Ministero dell'Interno

Ministero dell’Interno

Tu sei qui

Direzione centrale per gli Affari generali e per la Gestione delle risorse finanziarie e strumentali

Direttore: Prefetto Fabia D’Andrea

La Direzione centrale per gli affari generali e per la gestione delle risorse finanziarie e strumentali svolge sia compiti trasversali a tutto il dipartimento, sia compiti particolari di natura assistenziale.

L’attività della Direzione riguarda, innanzitutto, la gestione del personale in servizio presso il Dipartimento. Ne cura l’assegnazione alle varie strutture, l’attribuzione degli incarichi dirigenziali, la mobilità interna, la partecipazione alle attività formative ed intrattiene i rapporti con le organizzazioni sindacali. Inoltre, provvede alle necessità logistiche e strumentali a supporto di tutti gli uffici.

Si occupa, altresì, degli adempimenti in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro.

La Direzione cura la formazione e la gestione della parte di bilancio del ministero relativa ai capitoli del dipartimento con le previsioni, assestamenti, variazioni, consuntivi.
Di particolare rilievo è la gestione del patrimonio “Riserva” del Fondo lire Unrra, istituito dall’accordo 8 marzo 1945 fra il Governo italiano e l’amministrazione delle Nazioni Unite, destinando i relativi proventi a scopi di assistenza e di riabilitazione. Con il decreto del presidente del Consiglio dei Ministri 20 ottobre 1994, n. 755, sono stati definiti i criteri da adottare per la gestione del patrimonio, le modalità per il perseguimento dei fini della Riserva, le aree di intervento, i destinatari dei finanziamenti ed è stata stabilita la rendicontazione all'O.N.U., prevedendo che il finanziamento di progetti sia a favore di “persone in stato di bisogno e fasce sociali deboli”. La competenza a gestire la Riserva del Fondo è stata attribuita al ministero dell’Interno con la legge n. 1340 del 12 agosto 1962.

Il Ministro dell'Interno stabilisce, annualmente, gli obiettivi ed i programmi da attuare, indicando le priorità, attraverso l’emanazione di una direttiva nella quale sono definite le modalità per la concessione dei contributi nonché i criteri di attribuzione degli stessi.

Ultimo aggiornamento:

Martedì 28 Marzo 2017, ore 15:52