Ministero dell'Interno

Ministero dell’Interno

Tu sei qui

Femminicidi e donne scomparse, due fenomeni che si intrecciano

13 Dicembre 2017

Temi:

Ultimo aggiornamento:

Giovedì 21 Dicembre 2017, ore 12:43
Il contributo dell’ufficio del Commissario straordinario del Governo per le persone scomparse nell’audizione al Senato

Le donne che spariscono fuggono spesso da scenari problematici vissuti all’interno della propria famiglia. Stalking, maltrattamenti, violenza sessuale, fisica o psicologica, disagi economici o isolamento sociale sono i principali fattori che le riducono a una posizione di debolezza e di subalternità fino alla consapevolezza di un possibile rischio per la propria incolumità e alla scelta di fuggire.
La Commissione parlamentare d’inchiesta che si occupa del fenomeno del femminicidio e della violenza di genere, presieduta dalla senatrice Francesca Puglisi, ha ascoltato nel primo pomeriggio di oggi al Senato il viceprefetto Agata Iadicicco, quale rappresentante dell’ufficio del Commissario straordinario del Governo per le persone scomparse Vittorio Piscitelli

Nel nostro Paese, negli ultimi quattro anni, un quarto degli omicidi ha riguardato le donne. Più di una ogni tre giorni, ha riferito il viceprefetto Iadicicco.
Dalle indagini sui casi di scomparsa emerge che molte donne si allontanano nel timore di essere uccise. La prima causa di scomparsa e di morte delle donne tra i 16 e i 44 anni nel mondo, è un atto di violenza o un omicidio compiuto proprio da chi ne denuncia la scomparsa: il marito, il fidanzato, il compagno della vittima. 
Il 98% delle denunce di scomparsa di minori si risolve nell’arco di 48 ore, con il rintraccio delle persone o con il loro rientro spontaneo. Fenomeno sconcertante è il cosiddetto “baby femminicidio”: quando a colpire la minore è il compagno o l’ex che non accetta di essere lasciato.

CHI SCOMPARE

  • 40.070 persone ancora da rintracciare; 
  • 12.076 sono donne;
  • 3.192 sono donne italiane;
  • 8.884 sono donne straniere (soprattutto donne che si allontanano dai centri di accoglienza per raggiungere i familiari nel Centro e Nord);
  • 5.751 sono minori tra i 14 e i 17 anni;
  • la Lombardia è nel 2017 la regione con il numero più elevato di donne uccise: 25 vittime.

(dati aggiornati al 30 novembre 2017)

LE RICERCHE

​Oltre i due terzi delle persone scomparse viene rintracciato. 
Il risultato è stato raggiunto con l’applicazione della legge 203/12, voluta dall’ufficio del Commissario e dalle associazioni dei familiari per regolamentare le modalità di ricerca. Le circolari commissariali, inoltre, hanno omogeneizzato l’applicazione normativa a livello nazionale pur rispettando specificità del territorio con la formulazione di piani provinciali che sono stati predisposti, a livello locale, da prefetti e forze dell’ordine.

AddToAny