Tu sei qui

Flussi d’ingresso 2014: lavoratori non comunitari per lavoro non stagionale

29 Dicembre 2014

Ultimo aggiornamento:

Giovedì 26 Febbraio 2015, ore 09:49
Sono 17.850 i lavoratori che entreranno in Italia. Dalle ore 9.00 del 30 dicembre 2014 possibile inoltrare le domande

Dalle ore 9 del 30 dicembre 2014, giorno successivo alla pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale n. 300 del 29 dicembre del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri dell’11 dicembre 2014, riguardante la “Programmazione transitoria dei flussi di ingresso dei lavoratori non comunitari per lavoro non stagionale nel territorio dello Stato” e registrato alla Corte dei Conti il 18 dicembre 2014, potranno essere inoltrate le domande, esclusivamente per via telematica, relative al decreto flussi 2014. La ricezione proseguirà per i successivi otto mesi. 

La quota complessiva di ingresso è di 17.850 unità. All’interno di questa quota complessiva il decreto prevede anche l’ingresso di cittadini stranieri per la costituzione di imprese 'start-up innovative' (vedi allegati) ai sensi  della legge 17 dicembre 2012 n. 221.

Modalità di presentazione delle domande

I moduli di domanda saranno trasmessi, esclusivamente con le consuete modalità telematiche, a partire dalle ore 9.00 del giorno successivo alla pubblicazione del decreto del presidente del Consiglio sulla Gazzetta Ufficiale. Le domande potranno essere presentate fino al termine di otto mesi dalla data di pubblicazione.

Le procedure sulle modalità di registrazione degli utenti, di compilazione dei moduli e di invio delle domande sono identiche a quelle da tempo in uso le cui caratteristiche tecniche sono reperibili sul manuale utente pubblicato sull’home page dell’applicativo informatico.

Durante la fase di compilazione e di inoltro delle domande sarà fornita assistenza agli utenti attraverso un servizio di 'help desk', che potrà dare ragguagli tecnici e giuridici e sarà raggiungibile tramite un modulo di richiesta di assistenza utilizzando il link ‘help desk’, disponibile sull’home page per tutti gli utenti registrati. Per le associazioni e i patronati accreditati rimarrà disponibile il numero verde già in uso.