Ministero dell'Interno

Ministero dell’Interno

Tu sei qui

Fondo FAMI: 31 milioni di euro per i 76 progetti per l’integrazione dei cittadini di paesi terzi

23 Dicembre 2016

Ultimo aggiornamento:

Venerdì 30 Dicembre 2016, ore 10:55
Verranno realizzati da regioni e province autonome in partenariato con istituti scolastici, enti locali, associazioni del privato sociale

Sono state ammesse a finanziamento le 76 proposte progettuali presentate da regioni e province autonome a valere sull’Avviso pubblico multi-azione nell’ambito dell’Obiettivo Specifico 2 Integrazione/Migrazione legale – Obiettivo Nazionale 2 Integrazione – Piani d’intervento regionali per l’integrazione dei cittadini di paesi terzi, per un importo complessivo pari a 31 milioni di euro.

I progetti finanziati risultano così suddivisi tra le 4 Azioni in cui è articolato l’Avviso:

  • 19 progetti finanziati a valere sull’Azione 01 - Qualificazione del sistema scolastico in contesti multiculturali, anche attraverso azioni di contrasto alla dispersione scolastica
  • 20 progetti finanziati a valere sull’Azione 02- Promozione dell’accesso ai servizi per l’integrazione
  • 18 progetti finanziati a valere sull’Azione 03 - Servizi di informazione qualificata, attraverso canali regionali e territoriali di comunicazione
  • 19 progetti finanziati a valere sull’Azione 04 - Promozione della partecipazione attiva dei migranti alla vita economica, sociale e culturale, anche attraverso la valorizzazione delle associazioni.

I progetti finanziati verranno realizzati dalle Regioni e dalle province Autonome in partenariato con Istituti scolastici, Enti locali, associazioni del privato sociale e con tutti gli stakeholder pubblici e privati sui territori, secondo un approccio multisettoriale, capace di integrare politiche, servizi e iniziative che fanno riferimento ad aree complementari ed andranno ad intercettare alunni con cittadinanza di Paesi terzi, giovani con background migratorio, cittadini di Paesi terzi regolarmente presenti in Italia, associazioni di migranti e di giovani con background migratorio e soggetti del privato sociale che operano nel campo dell’integrazione.

Allegati: