Ministero dell'Interno

Ministero dell’Interno

Tu sei qui

Genova, il Presidente Mattarella alla commemorazione di Guido Rossa

24 Gennaio 2019

Ultimo aggiornamento:

Venerdì 1 Febbraio 2019, ore 09:38
A 40 anni dalla morte dell'operaio per mano delle Brigate Rosse, il ricordo presso lo stabilimento AccelorMittal

Si è tenuta ieri a Genova la commemorazione della morte di Guido Rossa, l’operaio e sindacalista ucciso dalle brigate rosse il 24 gennaio di quarant’anni fa. 
Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, accompagnato dal prefetto Fiamma Spena, è giunto allo stabilimento di ArcelorMittal dove è stato accolto dal presidente della regione Liguria, Giovanni Toti, dal sindaco Marco Bucci e dall’amministratore delegato di ArcelorMittal Italia, Matthieu Jehl.

Qui, all’interno dell’Officina Meccanica, dopo aver ricevuto il saluto della figlia di Guido Rossa, Sabina, del presidente dell’associazione italiana vittime del terrorismo e di una rappresentanza sindacale a aziendale, il capo dello Stato ha deposto una corona di fiori sulla lapide che ricorda l’assassinio del sindacalista.

Quindi nei locali del magazzino 11, alla presenza dell’arcivescovo di Genova Cardinale Angelo Bagnasco, ha preso inizio la cerimonia commemorativa nel corso della quale gli interventi del presidente della regione, del sindaco  e del segretario generale della Camera del Lavoro Metropolitana hanno preceduto le parole di Mattarella.

A Guido Rossa il Presidente della Repubblica ha dedicato un ricordo commosso, rendendo omaggio alla memoria di un uomo, un operaio, un delegato sindacale, un militante di partito che, per difendere i valori in cui credeva, pagò il prezzo della vita per mano del terrorismo brigatista, avendo trovato il coraggio e la volontà di non cedere alla violenza delle forze eversive che, in uno dei periodi più difficili della democrazia, puntavano a minare i valori della nostra convivenza civile e della Repubblica.

Al termine del suo intervento il Capo dello Stato – che ha anche ricordato la dolorosa scomparsa di Eros Cinti, l’operaio tragicamente morto sul lavoro lunedì scorso - ha assistito alla scopertura di una targa a ricordo.

AddToAny