Ministero dell'Interno

Ministero dell’Interno

Tu sei qui

Lotta al racket e usura: a Camerino per diffondere legalità

5 Dicembre 2017

Temi:

Ultimo aggiornamento:

Martedì 12 Dicembre 2017, ore 18:55
Nella ripartizione del Fondo gestito dal Mef le misure per i comuni terremotati

Il Fondo di prevenzione dell’usura ha previsto per quest’anno un’aliquota maggiore a favore dei Confidi, delle Fondazioni e delle Associazioni antiusura nei territori dell’Italia centrale colpiti dal terremoto del 2016. E' la novità annunciata ieri nel corso del convegno “Legalità d’impresa e territorio”, organizzato presso l’Università di Camerino.

L’Amministrazione Finanziaria, che gestisce il Fondo, e quella dell’Interno lavorano, come ha sottolineato il commissario straordinario per il coordinamento delle iniziative antiracket e antiusura, Domenico Cuttaia, in stretta collaborazione e la misura adottata mette in evidenza la valenza sostanziale e simbolica di tale decisione.

Per quanto riguarda, poi, il Fondo di solidarietà che viene gestito presso il ministero dell’Interno, il Commissario Straordinario ha ribadito l’estrema importanza di proseguire l’opera di promozione e divulgazione sull’uso dello strumento solidaristico in favore delle vittime del racket e dell’usura anche attraverso una vera e propria sinergia con il mondo universitario. Tale esigenza è stata condivisa dal Rettore dell’Unicam, Claudio Pettinari, dal direttore della Scuola di Giurisprudenza, Rocco Favale, e dalla direttrice dell’Osservatorio sulla legalità d’impresa,  Maria Lucia Di Bitonto.
Prossimamente, saranno realizzate iniziative di studio e approfondimento giuridico sui temi che riguardano l’accesso degli imprenditori e degli altri soggetti economici al Fondo di solidarietà.

Al termine dell'evento, cui ha preso parte anche il prefetto di Macerata Roberta Preziotti, il commissario Cuttaia ha consegnato i diplomi del Master Unicam di II livello in “Diritto e processo penale della sicurezza sul lavoro”.

Il tavolo del convegno all'Università di Camerino