Ministero dell'Interno

Ministero dell’Interno

Tu sei qui

Maggiori controlli nel centro storico di Sassari

2 Novembre 2017

Ultimo aggiornamento:

Giovedì 2 Novembre 2017, ore 10:22
Le misure di prevenzione e vigilanza decise dalla prefettura

La sicurezza nel centro storico di Sassari e del Centro di accoglienza per migranti Pontificio Istituto Missioni Estere (Pime). Questi i temi affrontati il 31 ottobre dal Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica di Sassari, presieduto dal prefetto Giuseppe Marani.

I rappresentanti delle forze di polizia, a seguito dei fatti accaduti nel quartiere di Santa Maria di Pisa nei pressi del Centro Pime il 27 ottobre, quando si è verificata una rissa tra cittadini italiani ed extracomunitari, hanno illustrato i risultati conseguiti nella zona del centro storico negli ultimi due mesi, che hanno visto un incremento dei controlli, delle denunce e degli arresti, in una situazione che, peraltro, fa registrare una diminuzione dei reati commessi.

Il sindaco di Sassari si è detto disponibile, nei limiti delle risorse finanziarie a disposizione, a continuare nelle attività di potenziamento dell’illuminazione cittadina e a implementare i sistemi di videosorveglianza nel centro storico e nelle altre zone della città. Saranno inoltre rafforzate le azioni di controllo, a tutela della incolumità di tutti, incrementando l’attività della polizia locale in collaborazione con l’attività delle forze di polizia.

Il prefetto convocherà un tavolo con i sindaci dei comuni che hanno attivato, o stanno per attivare, progetti SPRAR, e anche i gestori dei centri di accoglienza straordinaria di quei comuni, per definire l’applicazione della clausola di salvaguardia che garantirà di raggiungere la coperture dei posti prevista.

Sarà portato ad attuazione, sulla base delle specificità territoriali, il protocollo sottoscritto a Cagliari il 16 ottobre con la regione, gli altri prefetti della Sardegna, i sindaci dei comuni capoluogo e l’Anci regionale, finalizzato a favorire un'accoglienza graduale, proporzionale, sostenibile e diffusa dei richiedenti protezione internazionale in Sardegna.

Allegati:

AllegatoDimensione
PDF icon Prefettura di Sassari-comunicato 31.10.201754.87 KB