Ministero dell'Interno

Ministero dell’Interno

Tu sei qui

Morcone: corridoi umanitari strumento essenziale per soccorrere

12 Settembre 2017

Ultimo aggiornamento:

Mercoledì 20 Settembre 2017, ore 12:14
Il capo di Gabinetto a Munster, in Germania, interviene alla manifestazione dedicata a 'Religioni e culture in dialogo'

«Sono molto orgoglioso del mio Paese e di quello che sta facendo. E sono naturalmente molto  contento della riflessione del Papa che per noi costituisce un faro di riferimento». Così il capo di Gabinetto del ministro, Mario Morcone, ha commentato intervenendo alla manifestazione 'Strade di Pace', organizzata della comunità di Sant'Egidio, che si sta svolgendo a Munster, in Germania.

«Siamo arrivati ad un punto - spiega il prefetto - in cui dobbiamo rallentare per quanto riguarda l'accoglienza e gli sbarchi, ma è il tempo di una integrazione e di una inclusione e il ministro Minniti presenterà nei prossimi giorni il piano nazionale dell'integrazione che stiamo preparando».

Il prefetto Morcone - che ha partecipato al panel su 'La questione migratoria: nuove risposte' - ha espresso apprezzamento per l'iniziativa dei corridoi umanitari realizzati dalla Comunità di Sant'Egidio e dalle Chiese evangeliche che ha portato, in maniera sicura e nella legalità, dal febbraio 2016 all'ottobre 2017, 1.000 profughi siriani dal Libano in Europa.

Le prospettive. E' una iniziativa, assicura Morcone, alla quale abbiamo creduto e alla quale noi abbiamo aderito come ministeri dell'Interno e degli Esteri. Avranno certamente uno sviluppo perchè sono una strada per il futuro soprattutto adesso. Se noi riusciamo a tenere basso il numero degli sbarchi, quello dei corridoi rappresenta uno strumento essenziale per soccorrere chi si trova in uno stato di bisogno e in uno stato di fragilità.