Ministero dell'Interno

Ministero dell’Interno

Tu sei qui

“Il nostro compagno sconosciuto. Difendersi da un amore malato”

885x_locandina_palermo.jpg

La locandina dell'evento

Foto:

Prefettura di Palermo
19 Marzo 2019

Ultimo aggiornamento:

Giovedì 21 Marzo 2019, ore 19:47
Incontro a Palermo con gli studenti a Villa Whitaker

Si svolto oggi a Palermo un incontro, nato da un'iniziativa della prefettura, per porre l'attenzione dei giovani verso un tema di grande attualità in relazione al sempre più drammatico fenomeno dei femminicidi di cui sono vittime le donne che rivendicano la libertà di lasciare il proprio uomo e all’evidenziarsi di molteplici casi di violenze psicologiche, oltre che fisiche, anche all’interno delle mura domestiche.

Come ha sottolinato il prefetto Antonella De Miro, intervenendo all'incontro, la scuola rappresenta pertanto la più importante agenzia educativa dove imparare il rispetto reciproco, a riconoscere e ad accettare le differenze di genere, a governare le conflittualità.

Grande emozione ha suscitato, poi, il racconto di Lucia Petrucci, all’epoca studentessa del Liceo Umberto come la sorella Carmela, vittima sopravvissuta per miracolo alla violenza persecutoria ed omicida di un ex fidanzatino, che invece feriranno a morte la sorella più piccola di un anno e sua compagna di classe.

Gli studenti liceali delle scuole Benedetto Croce, Galileo Galilei e Umberto I, hanno proposto propri lavori, poesie, video, musiche per rappresentare il dramma di amori in cui la donna vive condizioni di dipendenza affettiva nei confronti del proprio compagno, ma anche l’invito alle donne ad avere il coraggio di liberarsi dalla catene di un amore infelice.

AddToAny