Ministero dell'Interno

Ministero dell’Interno

Tu sei qui

Occupazioni e roghi tossici, a Roma la prima riunione del Comitato Metropolitano

20 Ottobre 2017

Ultimo aggiornamento:

Lunedì 30 Ottobre 2017, ore 10:25
E' stata presieduta congiuntamente da prefetto e sindaca

Le occupazioni arbitrarie di immobili e il fenomeno dei “roghi tossici” sono stati i temi al centro in prefettura a Roma, della prima riunione del Comitato Metropolitano presieduto congiuntamente dal prefetto di Roma e dalla sindaca di Roma Capitale.
Il nuovo organismo, istituito con il cosiddetto decreto Minniti, rappresenta la sede naturale per definire, insieme alle istituzioni coinvolte,  le misure necessarie per affrontare le problematiche legate alla sicurezza urbana.

Sul primo punto, considerato il numero significativo di immobili interessati, è stato deciso di focalizzare gli interventi su quegli stabili in condizioni di precaria staticità. Un protocollo operativo tra prefettura e Roma Capitale, con il supporto dell’Avvocatura dello Stato, si occuperà successivamente della definizione delle modalità di esecuzione del censimento delle situazioni di fragilità presenti tra gli occupanti.

Per quanto concerne il tema dei “roghi tossici”, sarà valutata la possibilità di adottare nella Capitale le modalità di intervento già sperimentate in Campania per affrontare la problematica della “terra dei fuochi”. Il Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica valuterà, poi, il concorso di personale dell’Esercito nell’attività di vigilanza di quei campi nomadi maggiormente interessati dal fenomeno.

Nell’incontro che si è svolto oggi erano presenti rappresentanti dell’Avvocatura Generale dello Stato, con la partecipazione del segretario generale della Regione Lazio e degli assessori comunali.