Ministero dell'Interno

Ministero dell’Interno

Tu sei qui

Più sicurezza su treni e autobus a Firenze

11 Settembre 2019

Ultimo aggiornamento:

Venerdì 13 Settembre 2019, ore 19:46
Riunita in prefettura la cabina di regia per il trasporto su ferro e su gomma

Sono oltre 500mila gli utenti che giornalmente impiegano il trasporto pubblico in Toscana. Per migliorare la sicurezza a bordo dei treni e degli autobus di linea, ma anche nelle stazioni, armonizzando le iniziative messe in campo a più livelli organizzativi, si è riunita oggi nella prefettura di Firenze una cabina di regia. Coordinerà a livello regionale le proposte per garantire la sicurezza dei viaggiatori e del personale del trasporto pubblico locale.

La collaborazione tra prefettura e regione Toscana consentirà di mettere in atto un’azione che si svilupperà su tre direttrici:

  • interventi strutturali, come la videosorveglianza e l’illuminazione dentro e fuori dalle stazioni dei treni e dei pullman, potenziamento dei controlli e campagne formative e informative per la prevenzione di comportamenti impropri o illegali;
  • approccio su scala regionale per il massimo coordinamento, attraverso la conferenza regionale per la sicurezza, con prefetti, regione, Anci e tutti i soggetti istituzionali, pubblici e privati interessati;
  • promozione dell'invulnerabilità dell’infrastruttura ferroviaria fiorentina, snodo fondamentale per l'efficienza dell'intera rete nazionale, lungo un percorso già individuato in un precedente vertice sulla sicurezza.

«La mia filosofia - ha spiegato il prefetto Laura Lega - è quella di lavorare in maniera corale, perché ci consente di mettere a punto un modello organizzativo condiviso per garantire una migliore fruibilità dei servizi di trasporto, ma anche per accrescere la percezione di sicurezza dei passeggeri e degli operatori».

Al tavolo, presieduto dal prefetto Lega, erano presenti le prefetture toscane, il questore di Firenze, la Polfer, Trenitalia, Rfi, le aziende di trasporto pubblico su gomma e le organizzazioni sindacali di settore.

Allegati:

AllegatoDimensione
PDF icon Comunicato stampa44.86 KB

AddToAny