Ministero dell'Interno

Ministero dell’Interno

Tu sei qui

Prefetti, un patrimonio da non disperdere

30 Ottobre 2017

Ultimo aggiornamento:

Mercoledì 8 Novembre 2017, ore 14:08
Il ministro Minniti a Grosseto per il 90° anniversario del Palazzo del governo

Festa a Grosseto per i 90 anni della sede della prefettura, il palazzo del governo, con un ospite d'onore speciale, il ministro dell'Interno Marco Minniti, che ha concluso la cerimonia aperta in mattinata dal prefetto Cinzia Torraco.

«Di fronte alle grandi questioni lo Stato deve avere un ruolo cruciale. Mi riferisco alla sicurezza e all'immigrazione», ha detto il ministro nel suo intervento, sottolineando come «la democrazia si esplica soltanto se esiste un punto di connessione tra Stato e territorio». In questo quadro «la figura del prefetto diventa cruciale» nel necessario adattamento degli interventi ai singoli territori, come nell'attuazione delle operazioni di sicurezza.

Ecco così che il prefetto si rivela «il punto di connessione per credibilità e autorevolezza», anche come perno della «cooperazione permanente con i sindaci».

«Difficile pensare ad un'Italia senza la figura del prefetto», che è «la maggiore garanzia di terzietà», ha detto concludendo Minniti: «C'è una linea aurea di pensiero che ha attraversato la  storia della Repubblica. Sono i prefetti, un patrimonio da non disperdere».

Il suo intervento è stato preceduto dalla prolusione del giudice della Corte costituzionale ed ex ministro dell'Interno Giuliano Amato e dalle testimonianze di altri prefetti che hanno in passato svolto un periodo di servizio nella prefettura di Grosseto: Anna Maria D'Ascenzo, Giuseppe Amoroso, Giuseppina Di Rosa, Giuseppe Linardi, Marco Valentini e Anna Maria Manzone. Presenti, inoltre, il capo di Gabinetto, Mario Morcone ed i vertrici dei dipartimenti.

L'Ufficio territoriale del governo toscano per l'occasione - celebrata, nelle intenzioni del prefetto Torraco, per dare evidenza al significato espresso dalla prefettura nell'ambito degli edifici civici -  aprirà al pubblico i suoi ambienti di rappresentanza, con una retrospettiva di documenti e fotografie d'archivio.