Ministero dell'Interno

Ministero dell’Interno

Tu sei qui

A Rimini una giornata formativa contro la violenza sulle donne

6 Dicembre 2017

Ultimo aggiornamento:

Martedì 12 Dicembre 2017, ore 18:55
Nell’Aula Magna dell’università l’evento: “…però no, chiamarlo amore non si può…”

Un giorno all’Università per parlare di violenza sulle donne. Il 5 dicembre scorso si è svolta, a Rimini,  una giornata formativa per dipendenti delle pubbliche amministrazioni, appartenenti alle forze di polizia, componenti di associazioni ed esponenti della vita istituzionale e culturale del territorio.

L’evento, organizzato dalla prefettura di Rimini in collaborazione con la questura, è stato sviluppato all’insegna del titolo dato all’incontro: “…però no, chiamarlo amore non si può…”, frase tratta dalla canzone “La Fata” di Eduardo Bennato.

La proposta formativa è stata articolata su tre direttrici: conoscitiva (analisi del fenomeno), propositiva (prevenzione e pianificazione) e operativa (attività di contrasto). Si è cercato, nel contempo, di favorire uno scambio di esperienze tra le diverse realtà - contesto giudiziario, istituzioni pubbliche, forze di polizia e associazioni - che si sono confrontate sul tema attraverso le prospettive e le competenze che caratterizzano ciascun ambito di impegno.

Nel suo intervento introduttivo, il prefetto di Rimini Gabriella Tramonti, ha invitato la plate presenta ad una riflessione sul tema complesso dell’affettività. Famiglia e scuola giocano un ruolo fondamentale nell’educare i giovani alla “non violenza”. Disponibilità ed ascolto i presupposti indispensabili ai fini della rilevazione del bisogno sociale e dell’eventuale intervento coercitivo delle forze di polizia.

Dopo l’intervento del sostituto procuratore Davide Ercolani, che si è soffermato sul tema “Violenza di genere: tecniche investigative”, è stato il questore Maurizio Improta a porre l’accento sulle attività che impegnano con professionalità gli uomini e le donne delle Forze dell’ordine.

La giornata seminariale si è conclusa con l’intervento e lo “short movie” dell’Ispettore della Guardia di Finanza Alessia Natale Mariani intitolato “Vergogna”, vincitore di menzione speciale alla 47^ Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro (2011) e “Premio Personalità Europea” alla 46^ Edizione (2016).

Allegati:

AllegatoDimensione
PDF icon Il comunicato57.94 KB