Ministero dell'Interno

Ministero dell’Interno

Tu sei qui

Salvini a Milano: «controllo rigoroso e sistematico sul territorio»

28 Settembre 2018

Ultimo aggiornamento:

Venerdì 5 Ottobre 2018, ore 11:07
Confermato l'obiettivo di 10mila assunzioni straordinarie nelle Forze dell'ordine

Il ministero dell'Interno "farà di tutto" per confermare all'interno della manovra economica un piano di assunzioni straordinarie nelle Forze dell'ordine, "uno sforzo di circa 400 milioni che però è vitale". Identica attenzione ai Vigili del fuoco, puntando, in particolare, a riempire i vuoti di organico a Milano. Lo ha detto questa mattina il vicepremier e ministro dell'Interno Matteo Salvini nella conferenza stampa, a Milano, in prefettura, dopo aver presenziato al Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica presieduto dal prefetto Luciana Lamorgese ed a cui hanno partecipato, tra l'altro, il capo di Gabinetto del ministro Matteo Piantedosi, il sindaco Giuseppe Sala, il presidente della regione Lombardia Attilio Fontana e i vertici territoriali delle Forze dell'ordine.

I rinforzi serviranno a fronteggiare alcune criticità sul territorio provinciale. Tra queste, la situazione del parco di Rogoredo, attualmente area di spaccio di droga, per il quale è necessario un intervento "decisivo e risolutivo", e la sicurezza su alcune linee ferroviarie della TreNord per la quale il ministero, non appena noti tratte e orari più a rischio, invierà donne e uomini per pattugliare i vagoni.

I numeri su sicurezza e immigrazione nella provincia evidenziano la diminuzione dei reati, l'8,7% in meno rispetto allo scorso anno. "Vuol dire che il territorio è ascoltato e seguito" ha osservato Salvini, ringraziando il prefetto Lamorgese per il grande lavoro svolto negli anni alla guida della prefettura meneghina.

Sul fronte del consumo e spaccio di droghe, il ministro ha annunciato l'adesione di Milano al progetto Scuole sicure. Preoccupanti i dati che segnalano un'età media di primo consumo più bassa.

In calo i dati sull'immigrazione. Se nello stesso periodo dello scorso anno erano 3.300 i richiedenti asilo ricevuti e gestiti in città e provincia, oggi sono 390, ha detto il ministro annunciando la riapertura entro l'inverno del centro per i rimpatri di via Corelli e l'apertura di altri 5 centri nel resto d'Italia. L'obiettivo, ha spiegato, è triplicarli entro l'anno prossimo.

Tra i temi affrontati, anche quello della lotta alle mafie, potenziata dal recente decreto sicurezza e immigrazione - ha ricordato Salvini - in termini di uomini, mezzi, e numero di sedi dell'Agenzia nazionale per l'amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata (Anbsc). In questo modo l'Agenzia potrà agire "più velocemente ed efficacacemente" anche a Milano, territorio economicamente appetibile nella cui sola provincia ci sono oltre 1.350 immobili sequestrati tra i quali 228 aziende.

Nel quadro della generale "volontà di controllo rigoroso e sistematico del territorio" il ministro, che martedì prossimo sarà in prefettura a Napoli per analizzare "altre criticità e altri numeri", ha affrontato anche il tema dei campi rom e quello del contrasto alle occupazioni abusive di immobili. Sul primo fronte, ha ribadito l'obiettivo della progressiva chiusura; per quanto riguarda le occupazioni abusive ha ricordato il "maggiore rigore" nel contrasto previsto nel decreto sicurezza.

AddToAny