Ministero dell'Interno

Ministero dell’Interno

Tu sei qui

San Ferdinando: si va verso lo smantellamento della baraccopoli

3 Dicembre 2018

Ultimo aggiornamento:

Giovedì 13 Dicembre 2018, ore 16:34
L'obiettivo ribadito dopo l'incendio dei giorni scorsi

Per un esame della situazione nella baraccopoli di San Ferdinando, dove un incendio ha interessato otto strutture e causato il tragico evento che ha coinvolto Jaith Suruwa, le cui cause del decesso sono in corso di accertamento, il prefetto di Reggio Calabria, Michele di Bari, ha convocato una riunione del Comitato provinciale per l’Ordine e la Sicurezza pubblica.

Il presidio fisso dei Vigili del Fuoco alla baraccopoli ha consentito un intervento immediato sul posto che sono riusciti a domare tempestivamente l’incendio e ciò ha consentito di evitare danni più gravi. E' stato, comunque, ribadito che l’obiettivo finale è lo smantellamento della baraccopoli.

Il numero dei presenti presso la struttura è drasticamente diminuito grazie ai controlli e servizi continui delle Forze di Polizia, alcune delle strutture abusive sono state demolite nel corso del tempo ed anche dal tavolo permanente istituito è stata presa in considerazione la possibilità di trasferire gli immigrati in un altro sito da allestire con strutture temporanee per l’accoglienza.

A margine del comitato, il prefetto Michele di Bari ha ricevuto una rappresentanza dei migranti della tendopoli illustrando le misure in atto per superare le problematicità della struttura di San Ferdinando. La stessa rappresentanza si è impegnata a sensibilizzare gli ospiti della baraccopoli ad una gestione più efficiente delle tende e dei servizi esistenti, nonché al trasferimento presso la costruenda struttura.

Il prefetto si è impegnato, infine, ad accogliere la richiesta della famiglia sul rimpatrio della salma.

AddToAny