Ministero dell'Interno

Ministero dell’Interno

Tu sei qui

Testimonianze di coraggio: Libero Grassi, la dignità di non piegare la testa

28 Agosto 2017

Ultimo aggiornamento:

Giovedì 7 Settembre 2017, ore 13:31
Il 29 agosto 1991 a Palermo la mafia non uccise un avversario di "sistema" ma un uomo mite, un imprenditore che rivendicava pubblicamente il diritto di non pagare tasse aggiuntive solo per il fatto di avere un'azienda in Sicilia

La mattina del 29 agosto 1991, mentre si stava recando verso la sua auto per andare in fabbrica senza la scorta personale, che aveva rifiutato, Libero Grassi viene ucciso con quattro colpi di pistola, a Palermo.

Grassi era un imprenditore di quelli che non ci stanno a piegare la testa, di quelli per cui "impresa" significa innanzitutto "dignità". Era una persona abituata a dire quello che pensava pubblicamente: «Io non sono pazzo, non mi piace pagare, è una rinunzia alla mia di dignità di imprenditore» aveva dichiarato apertamente e lealmente.

L’ eliminazione di un uomo retto e dai modi garbati rappresentò un punto di svolta nella strategia di Cosa Nostra. Libero Grassi non era né un magistrato, né un poliziotto, né un giornalista. Non era uno che combatteva la mafia per mestiere. Era «semplicemente» un imprenditore testardo che rivendicava il diritto di non pagare tasse aggiuntive rispetto a quelle che già versava all’erario per il semplice fatto di avere un’azienda in Sicilia. Fu ucciso, però, come tutti coloro che si opposero alla mafia ma il seme della ribellione era ormai stato piantato. Una grande folla prese parte al suo funerale, dove intervenne il Presidente della Repubblica Francesco Cossiga.

Il 29 agosto 2017 si terrà a Palermo una commemorazione del 26° anniversario della sua uccisione, organizzato dai figli dell’imprenditore, Alice e Davide Grassi e da Addiopizzo. All’evento prenderanno parte  il commissario per le Vittime della mafia Vincenzo Panico e il commissario nazionale Antiracket Domenico Cuttaia.