Ministero dell'Interno

Ministero dell’Interno

Tu sei qui

Videosorveglianza e tornelli per la sicurezza nelle stazioni a Trento

13 Ottobre 2017

Ultimo aggiornamento:

Venerdì 13 Ottobre 2017, ore 12:51
I cantieri partiranno in alcune stazioni del territorio provinciale nel 2018/2019. Le altre misure esaminate al commissariato del governo

L'evasione tariffaria, cioè viaggiare sul treno o sui mezzi pubblici senza pagare il biglietto, è tra le cause principali delle aggressioni ai dipendenti delle aziende che gestiscono il trasporto ferroviario e quello di linea. Parte da questo presupposto il secondo focus, dopo quello di settembre, dedicato ieri dal commissariato del Governo per la provincia di Trento al trasporto ferroviario e di linea, in particolare alla sicurezza del personale e dei viaggiatori.

Nel 2018 partiranno i cantieri per l'installazione di sistemi di videosorveglianza nelle stazioni ferroviarie di Trento e Rovereto, informa il commissariato segnalando l'impegno in questo senso di Trenitalia e Rete ferroviaria italiana (Rfi), presenti all'incontro presieduto dal commissario del governo Pasquale Gioffre' con i loro vertici regionali insieme all'assessore ai trasporti della provincia autonoma Gimozzi, all'assessore alla Mobilità del comune di Trento Biasioli e a rappresentanti della Polizia locale.

Nel 2019, inoltre, saranno avviati i lavori per l'installazione dei tornelli, primo filtro per abbattere l'evasione tariffaria. Prevenire per contrastare, insomma, come già oggi fanno sulle tratte ferroviarie del territorio alcune squadre in "servizio anti-evasione" composte da dipendenti dell'azienda ferroviaria preventivamente formati, in costante contatto con le Forze dell'ordine, in particolare la Polizia ferroviaria, che in collaborazione con Trenitalia individua le tratte più a rischio per servizi a bordo pù mirati.
Il servizio "anti-evasione", informa il commissariato del governo, sarà potenziato anche con il supporto della provincia autonoma di Trento.

Sul fronte del trasporto di linea, quello su gomma, urbano ed extraurbano, sono già in corso iniziative per la sicurezza di dipendenti e passeggeri, a cura della provincia, del comune di Trento e da Trentino Trasporti, l'azienda del trasporto pubblico locale. Tra le altre iniziative prese in considerazione durante la riunione ci sono telecamere, blindature per gli autisti e monitoraggio delle corse tramite centraline.