Fondi europei

Integrazione, accoglienza, formazione e sostegno sono le direttrici delle politiche di sostegno ai migranti che finanziano progetti proposti da soggetti pubblici e privati anche in partenariato

Nell’ambito del Programma Quadro “Solidarietà e gestione dei flussi migratori” 2007-2013 (Programma SOLID), istituito per “garantire un’equa ripartizione delle responsabilità fra Stati Membri per una gestione integrata delle frontiere esterne all’UE e per implementare politiche comuni in tema di immigrazione e asilo”, al ministero dell’ Interno è affidata la gestione dei seguenti quattro strumenti finanziari:

 

  • 1 Fondo Europeo per l’Integrazione di cittadini di Paesi Terzi: nato con l'obiettivo di sostenere gli Stati membri dell’Unione Europea attraverso politiche che consentano ai cittadini di Paesi terzi, giunti legalmente in Europa, di soddisfare le condizioni di soggiorno e di integrarsi più facilmente nelle società ospitanti.
     
  • 2 Fondo Europeo per i Rifugiati: rivolto agli Stati che accolgono richiedenti asilo, è a sostegno di programmi e azioni connesse alla integrazione delle persone il cui soggiorno è di natura durevole e stabile. Il fondo prevede anche misure per affrontare arrivi improvvisi in caso di guerre e conflitti internazionali.
     
  • 3 Fondo Europeo per i Rimpatri: garantire una politica efficace di ritorno - in conformità con la Carta dei diritti fondamentali e sulla base della preferenza per il rimpatrio volontario - per far fronte all'immigrazione irregolare.
     
  • 4 Fondo Europeo per le Frontiere Esterne: l'obiettivo di questo strumento è assicurare controlli alle frontiere esterne uniformi e di alta qualità favorendo un traffico transfrontaliero flessibile anche mediante il co-finanziamento o di azioni mirate o di iniziative nazionali per la cooperazione tra Stati membri riguardo la politica dei visti. Ciascuno dei quattro Fondi SOLID si attua mediante la definizione di un Programma pluriennale le cui linee guida vengono recepite all’interno dei singoli Programmi annuali.

Nella struttura organizzativa delineata dal ministero dell’Interno, la gestione del Fondo Europeo per le Frontiere Esterne è affidata al dipartimento della Pubblica sicurezza, mentre quella del Fondo Europeo per l’Integrazione, del Fondo Europeo per i Rifugiati e del Fondo Rimpatri al dipartimento per le Libertà civili e l’Immigrazione.

Come da regolamento istitutivo, le attività progettuali realizzate nell’ambito dei Fondi SOLID dovranno concludersi entro il 30 giugno 2015.

Programma Quadro SOLID

Ultimo aggiornamento:

Mercoledì 13 Maggio 2015, ore 11:24