Ministero dell'Interno

Ministero dell’Interno

Tu sei qui

Direzione Investigativa Antimafia (Dia)

Investigazioni preventive: sono finalizzate a definire le connotazioni strutturali, le articolazioni e i collegamenti interni e internazionali, gli obiettivi e le modalità operative delle organizzazioni criminali. Sull’attività svolta e sui risultati conseguiti dalla Dia, il ministro dell’Interno riferisce, ogni sei mesi, al Parlamento.

Investigazioni giudiziarie: l'azione di contrasto si sviluppa contro obiettivi strategicamente selezionati, che vengono aggrediti nel loro insieme, senza dispersione di risorse informative o di energie investigative. La Dia agisce in stretto collegamento con gli uffici e le strutture delle Forze di Polizia che forniscono ogni possibile cooperazione al personale investigativo.
La Dia investiga i soggetti criminali piuttosto che i singoli delitti. Non agisce, di regola, sulla base della notitia criminis, ma privilegia l'analisi del fenomeno nel suo complesso e il contesto del reato associativo, puntando ad individuare nei singoli componenti dei gruppi mafiosi le responsabilità, i ruoli, le attitudini criminali, i comportamenti delittuosi.

Cooperazione internazionale: le attività di scambio informativo riguardano le principali agenzie investigative dei Paesi dell’Unione Europea e le polizie di Paesi appartenenti ad altre aree continentali (Paesi non UE, America, Asia, Africa e Oceania). La Dia promuove e sviluppa i collegamenti informativi e operativi con gli organismi esteri specializzati nella lotta al crimine organizzato e partecipa ai principali fori di cooperazione multilaterale di polizia in tema di prevenzione e contrasto della criminalità organizzata transnazionale.

Ultimo aggiornamento:

Martedì 22 Marzo 2016, ore 14:58