Ministero dell'Interno

Ministero dell’Interno

Tu sei qui

Patti per la sicurezza

La spinta alla conclusione dei 'Patti' nasce dall’esigenza di garantire ai cittadini il diritto alla sicurezza e alla qualità della vita urbana

Si tratta di accordi di collaborazione e di solidarietà stipulati tra Stato ed enti locali che prevedono l’azione congiunta di più livelli di governo e la promozione di interventi, anche in via sussidiaria e nell’ambito delle responsabilità di ciascuno, per rendere effettivo il diritto alla sicurezza.
Il disagio sociale e lo scadimento dei comportamenti civili sono spesso strettamente legati a fenomeni di maggiore pericolosità e allarme che ledono il diritto alla sicurezza, soprattutto delle fasce più deboli della popolazione (anziani, donne e minori).
L’obiettivo dei Patti è quello di eliminare progressivamente le aree di degrado e di illegalità, nel rispetto delle competenze delle autorità di pubblica sicurezza, ottimizzando l’integrazione con le politiche di sicurezza delle autonomie territoriali e impegnando maggiormente le polizie locali.
I Patti spesso consistono in piani che prevedono lo stanziamento di fondi o l’impiego di maggiori risorse umane, oppure azioni mirate per affrontare, ad esempio, la questione dei rom o i reati di contraffazione, di sfruttamento della prostituzione, di abusivismo commerciale. Possono comportare anche la riorganizzazione dei presidi delle forze dell'ordine, l'intensificazione dei ‘poliziotti di quartiere’, il contrasto alle ‘forme di mendacità organizzata’.
L'iniziativa nasce con un accordo quadro sottoscritto al Viminale il 20 marzo 2007

Ultimo aggiornamento:

Venerdì 17 Febbraio 2017, ore 16:38