Ministero dell'Interno

Ministero dell’Interno

Tu sei qui

La Biblioteca centrale del ministero dell'Interno

Catalogo storico “Staderini”
La biblioteca, creata a Torino intorno al 1859, fu trasferita nel 1872 a Roma. Allo stato attuale, possiede un patrimonio di circa 110.000 volumi. Da qualche decennio ha assunto i caratteri operativi e funzionali di una biblioteca specializzata in ambito giuridico

La Biblioteca del ministero dell'Interno fu costituita nel 1859 a Torino con alcuni nuclei di raccolte librarie appartenenti alla Casa Savoia ed al Consiglio di Commercio.

Fu trasferita nel 1872 da Firenze a Roma, divenuta Capitale del costituito Regno d'Italia.

Negli anni venti del Novecento fu collocata nel Palazzo Viminale, che divenne sede del ministero dell'Interno, dove tutt'ora è situata.

Il patrimonio librario è costituito da oltre 110.000 volumi e presenta una composizione rilevante, per la varietà delle materie esistenti e le migliaia di volumi antichi che lo arricchiscono. La Biblioteca è stata conservata in una sostanziale integrità, nonostante le perdite che furono causate da eventi bellici e da cessioni fatte negli anni settanta del Novecento.

La molteplicità delle materie presenti nei fondi librari riflette le esigenze informative, legate allo svolgimento delle attività istituzionali di questa Amministrazione, che comprendevano fino alla fine dell'ottocento molti ambiti funzionali, dalla gestione della sicurezza pubblica a quella delle carceri e della sanità.

Parte delle migliaia di volumi antichi presentano una speciale importanza storica, documentaria e patrimoniale, per la particolarità dei contenuti e la rarità delle edizioni. Tra i più pregevoli vi sono l'Enciclopédie curata da Dalernbert e Diderot, stampata in seconda edizione a Livorno dal 1770 al 1779, le vaste raccolte di legislazione ed editti degli stati italiani precedenti l'Unità d'Italia dal 1600 al 1800, le decisioni della sacra Rota edite nel 1600 e molti volumi relativi a materie che spaziano dal diritto, alla storia, all'araldica, alle discipline religiose.

Modalità di accesso e consultazione

Ultimo aggiornamento:

Venerdì 17 Febbraio 2017, ore 16:35

Notizie Correlate