Vai al contenuto della pagina | Vai al menù di secondo livello
Home  |  Sala Stampa  |  Notizie  |  Arrestato a Roma dagli uomini di Polizia di Stato e Interpol in collaborazione con il Sisde il latitante Giovanni Bonomo, uno dei 30 ricercati più pericolosi

Notizie

2003 - Lotta alle mafie

14.11.2003

Arrestato a Roma dagli uomini di Polizia di Stato e Interpol in collaborazione con il Sisde il latitante Giovanni Bonomo, uno dei 30 ricercati più pericolosi

Il Ministro dell'Interno Pisanu si è rallegrato per la brillante operazione con il Capo della Polizia e con il Direttore del Sisde

Uno degli esponenti di rilievo  della mafia palermitana,Giovanni Bonomo, di 68 anni,  inserito nello speciale  elenco dei 30  ricercati  piu'  pericolosi, e' stato arrestato a Ciampino dagli uomini del Servizio Centrale Operativo (Sco) della Polizia di Stato e dell' Interpol. L' operazione e' stata svolta in collaborazione con il Sisde, il servizio segreto civile.
Bonomo, latitante da sette anni, destinatario di due ordinanze di custodia cautelare in carcere per omicidio, associazione di tipo mafioso, turbativa d'asta e per un ordine di carcerazione in seguito ad una condanna sempre per reati di mafia, era stato individuato in Senegal ed espulso verso l'Italia.  Gli investigatori  ritengono che il boss arrestato avrebbe svolto  un ruolo fondamentale nel supporto e nell'appoggio operativo in favore di Leoluca Bagarella e di Giovanni Brusca. Durante la latitanza avrebbe sostenuto, in Sud Africa ed in Namibia, un altro boss mafioso, Vito Roberto Palazzolo, ancora latitante, riciclando anche ingenti somme di denaro per conto di "cosa nostra".

                                                                                        

I RALLEGRAMENTI DEL MINISTRO DELL'INTERNO  PISANU  AL CAPO DELLA POLIZIA PREFETTO DE GENNARO ED AL DIRETTORE DEL SISDE PREFETTO MORI PER LA BRILLANTE OPERAZIONE CONCLUSA

ROMA, 14 NOVEMBRE 2003

COMUNICATO STAMPA

IL MINISTRO DELL'INTERNO PISANU SI È VIVAMENTE RALLEGRATO CON IL CAPO DELLA POLIZIA PREFETTO DE GENNARO ED IL DIRETTORE DEL SISDE PREFETTO MORI PER "LA COMPLESSA, BRILLANTE OPERAZIONE CHE HA CONSENTITO DI ASSICURARE ALLA GIUSTIZIA IL BOSS MAFIOSO GIOVANNI BONOMO, ELEMENTO DI SPICCO DELLA MAFIA PALERMITANA E LATITANTE DA SETTE ANNI, INSERITO NELLO SPECIALE ELENCO DEI 30 PIÙ PERICOLOSI RICERCATI".
IL MINISTRO HA VOLUTO NELL'OCCASIONE SOTTOLINEARE LA STRAORDINARIA IMPORTANZA DELLA COLLABORAZIONE INFORMATIVA TRA ORGANISMI DI POLIZIA E SERVIZI DI INFORMAZIONE, VERO E PROPRIO VALORE AGGIUNTO NELLA LOTTA AD OGNI FORMA DI CRIMINALITÀ E DI TERRORISMO.





Icona Invia | Invia Icona Stampa | Stampa RSS | RSS
Ministero dell'Interno