Vai al contenuto della pagina | Vai al menù di secondo livello
Home  |  Sala Stampa  |  Notizie  |  Convegno "Network pubblico-privati e prevenzione per combattere la scomparsa di minori"

Convegno "Network pubblico-privati e prevenzione per combattere la scomparsa di minori"

Gli interventi istituzionali: prefetto Giuseppe Procaccini (capo di Gabinetto del ministro dell'Interno)

 

nostro servizio

I sessione - lunedì mattina

Riprendendo le problematiche evidenziate negli interventi precedenti, il capo di Gabinetto del ministro Maroni si è detto favorevole al riconoscimento del diritto all'identità, impegnandosi a «far si che ci sia il massimo risalto sui temi emersi» e illustrando l'azione del ministero dell'Interno, sul fronte della lotta alla scomparsa di minori e al disagio familiare e giovanile.

Intervento PROCACCINIProcaccini ha parlato dell'operazione di identificazione che il ministero ha svolto nel 2009 in complessive 5 aree urbane di grandi città sedi di campi rom illegali e in condizioni di totale degrado. Dalle identificazioni, che non hanno mai impiegato la rilevazione delle impronte digitali dei minori e per le quali il ministero ha impegnato circa 80 milioni dal Fondo sicurezza urbana, è emerso che la maggiorparte degli abitanti è cittadino italiano. La successiva costruzione di campi attrezzati, dopo le iniziali polemiche, è divenuta un modello seguito da altri Paesi europei.

Attraverso il pacchetto sicurezza, (legge 94/2009), inoltre, il ministero ha aggravato, con l'articolo 574 bis del codice penale, le sanzioni per reati commessi sfruttando i minori, come l'accattonaggio, e introdotto il reato di sottrazione e trattenimento di minore. Sul fronte dell'intervento, sono state create già diversi anni fa sezioni interforze specializzate sui minori all'interno delle squadre mobili, in collaborazione con i Carabinieri e anche con il privato sociale, la cui esperienza aiuta a 'leggere' la realtà.

Il ministero dell'Interno, oltre ad essere attivo sul territorio attraverso le prefetture e, indirettamente, il rapporto con gli enti locali, ha avviato anche partnership istituzionali e non, basti pensare alla Task force per i minori sottratti istituita nel maggio scorso presso il ministero degli Esteri, e con le associazioni che si occupano di minori come Telefono azzurro, con il quale il Viminale ha siglato l'anno scorso il protocollo per la gestione del numero unico 116.000.


Icona Invia | Invia Icona Stampa | Stampa RSS | RSS
Ministero dell'Interno