Vai al contenuto della pagina | Vai al menù di secondo livello
Home  |  Sala Stampa  |  Speciali  |  Altri speciali 2  |  La norma di cui si parla  |  La norma di cui si parla: l'articolo 79 della Costituzione - "La concessione dell'indulto"

La norma di cui si parla: l'articolo 79 della Costituzione - "La concessione dell'indulto"

L'indulto costituisce un atto di clemenza, concesso dal Presidente della Repubblica, che condona in tutto o in parte la pena inflitta, oppure la commuta in un'altra specie di pena stabilita dalla legge.  Anche la grazia, ugualmente concessa dal Presidente della Repubblica, rappresenta un provvedimento che estingue la pena, ma ha carattere individuale.
Previsto dall'articolo 174 del codice penale, l'indulto ha quindi carattere generale, come l'amnistia, ma quest'ultima ne differisce, in base alla normativa dell'articolo 151 del codice penale, in quanto estingue non la pena, ma il reato stesso. Entrambi gli istituti, indulto ed amnistia, possono essere sottoposti a condizioni ed obblighi. L'indulto non estingue le pene accessorie, salvo che il decreto  di concessione disponga diversamente, e neppure gli altri effetti penali della condanna. A livello costituzionale, l'indulto trova menzione nell'articolo 79, ove è previsto che la legge concessiva di tale beneficio sia deliberata con la maggioranza qualificata dei due terzi dei componenti. Il testo attuale è il risultato delle modifiche all'articolo 79 introdotte dalla legge costituzionale 6 marzo 1992 n. 1, ma da tale data non è stata mai approvata alcuna legge concessiva dell'indulto. Il testo originario recitava testualmente "L'amnistia e l'indulto sono concessi dal Presidente della Repubblica su legge di delegazione delle Camere. Non possono applicarsi ai reati commessi successivamente alla proposta di delegazione". Proprio la mancata attuazione del dettato costituzionale nel testo vigente dal 1992 ha sollevato un ampio dibattito, con ipotesi di modifica dell'articolo 79 della Costituzione o con possibilità di concessione del cosiddetto "indultino", ossia un provvedimento di sospensione di tre anni di pena. Il tema è di grande rilevanza e complessità in quanto va ad incidere su due aspetti particolarmente delicati, quali il sovraffollamento delle carceri e la messa in libertà di imputati già dichiarati colpevoli e sottoposti a pene detentive.


Icona Invia | Invia Icona Stampa | Stampa RSS | RSS
Ministero dell'Interno