Ministero dell'Interno

Ministero dell’Interno

Patrimonio del Fondo edifici di culto

Patrimonio del Fondo Edifici di Culto
Il ministero dell'Interno ha un patrimonio, diffuso su tutto il territorio nazionale, costituito da chiese e abbazie, aree archeologiche e museali, fondi rustici, unità immobiliari, aree boschive protette

Il Fondo edifici di culto (Fec) è un ente dotato di personalità giuridica, legalmente rappresentato dal ministro dell'Interno pro tempore.

L'origine del suo patrimonio deriva dalle leggi della seconda metà del 1800 con le quali lo Stato italiano soppresse alcuni enti ecclesiastici.

È amministrato da una direzione centrale del dipartimento per le Libertà civili e l'Immigrazione, affiancata da un Consiglio di amministrazione. A livello provinciale è amministrato dalle prefetture.

La missione del Fondo è quella di assicurare la tutela, la valorizzazione, la conservazione e il restauro dei beni.

Con quest’intento vengono curate annualmente pubblicazioni e mostre, dedicate alle più importanti opere architettoniche e pittoriche. Il Fec, inoltre, partecipa con il prestito d’opere d’arte di proprietà a mostre ed eventi di promozione culturale di rilievo nazionale e internazionale.

La conservazione e i restauri vengono assicurati da numerosi interventi, realizzati in collaborazione con il ministero per i Beni e le Attività culturali, finanziati direttamente o, indirettamente, tramite sponsorizzazioni.

Il patrimonio del Fec

Il patrimonio del Fondo edifici di culto è composto da beni culturali, artistici e naturalistici: oltre 830 chiese di interesse storico-artistico distribuite in tutta Italia; aree archeologiche e museali, come le Case romane del Celio a Roma e il Chiostro di santa Chiara a Napoli; complessi forestali - Tarvisio (provincia di Udine), Quarto Santa Chiara (provincia di Chieti) - gestiti grazie alla collaborazione con il Comando unità forestali, ambientali e agroalimentari dell'Arma dei Carabinieri. Alcuni di questi beni sono stati riconosciuti dall'Unesco Patrimonio mondiale dell'umanità.

Il Fec annovera fra i suoi beni anche un fondo librario antico, conservato al Viminale all'interno della biblioteca della direzione centrale, con oltre quattrocento volumi antichi editi a partire dall'anno 1552.

Informazioni, approfondimenti, documenti e immagini sui beni del Fondo e sui suoi prodotti editoriali, come i calendari artistici e le pubblicazioni, sono consultabili e scaricabili sul sito del dipartimento, che ospita anche l'archivio digitale del Fondo.

Per tutte le info: fondoedificiculto@interno.it

Ultimo aggiornamento:

Lunedì 6 Maggio 2019, ore 14:59

Notizie Correlate