Osservatorio nazionale sui furti e le rapine in danno di autotrasportatori

Osservatorio nazionale sui furti e le rapine in danno di autotrasportatori

Il fenomeno criminale che colpisce gli autotrasportatori, vittime di furti e rapine, necessita di analisi approfondite e attività di monitoraggio, sia per scongiurare possibili interruzioni di servizi essenziali, sia per indagarne le dinamiche e verificare eventuali connessioni con organizzazioni criminali nazionali o internazionali.

L’Osservatorio nazionale sui furti e le rapine in danno di autotrasportatori è stato istituito proprio a questo scopo e in considerazione della recrudescenza del fenomeno evidenziata da dati statistici. Soggetti pubblici e privati collaborano secondo il principio della "sicurezza partecipata", secondo il quale tutti possono contribuire a fianco delle forze di polizia.

Atto istitutivo

L’Osservatorio nasce il 2 maggio 2016, presso il dipartimento della Pubblica Sicurezza - direzione centrale della Polizia criminale, con la sottoscrizione di un protocollo siglato tra il ministero dell’Interno e:

  • Associazione Italiana Società Concessionarie Autostrade e Trafori (AISCAT)
  • Azienda Nazionale Autonoma delle Strade (ANAS S.p.A.)
  • Associazione Nazionale tra le Imprese Assicuratrici (ANIA)
  • Comitato centrale per l'Albo nazionale dell’autotrasporto di cose per conto terzi  

Ha la durata di due anni.

I compiti

All'Osservatorio sono attribuiti i compiti di:

  • monitoraggio, valutazione e analisi del fenomeno;
  • proposta di strategie di prevenzione e contrasto strutturate e anche adeguate alle differenti realtà territoriali;
  • proposta di interventi legislativi.

Composizione

È presieduto dal vice direttore generale della Pubblica Sicurezza - direttore centrale della Polizia criminale che può anche delegare il direttore del servizio analisi criminale.

I componenti sono:

  • rappresentanti qualificati dell'Arma dei Carabinieri, della Guardia di Finanza, del Corpo Forestale dello Stato, della direzione centrale per la Polizia Stradale, Ferroviaria, delle Comunicazioni e per i Reparti speciali della Polizia di Stato, della direzione centrale Anticrimine della Polizia di Stato;
  • rappresentanti qualificati dell’AISCAT, dell'ANAS, dell'ANIA e del Comitato centrale per l'albo nazionale degli autotrasportatori;
  • il direttore del servizio Analisi Criminale della direzione centrale della Polizia Criminale;
  • un dirigente, un funzionario e un segretario del servizio Analisi Criminale.

Alle riunioni possono essere chiamati a partecipare rappresentanti di istituzioni o organizzazioni e aziende a vario titolo interessate alla materia. 

Allegati
File
Allegato Dimensione
Rinnovo protocollo istitutivo (15 gennaio 2019) 130.37 KB
File
Allegato Dimensione
Protocollo istitutivo (2 maggio 2016) 1.48 MB
File
Allegato Dimensione
Vademecum informativo (12 utili consigli) 2.01 MB
Ultimo aggiornamento
Giovedì 17 Gennaio 2019, ore 16:32