400mila euro alle vittime di mafia e reati intenzionali violenti

Indennizzi per le vittime dei reati di tipo mafioso e intenzionali violenti
Foto di
Imagoeconomica
31 Marzo 2021
Temi
Ultimo aggiornamento
Giovedì 1 Aprile 2021, ore 12:17
Il Comitato di solidarietà, presieduto dal Commissario straordinario Cardona, ha deliberato un indennizzo anche a favore di una ragazza con disabilità vittima di violenze

Il Comitato per la solidarietà alle vittime di mafia e di reati violenti ha deliberato nella seduta di oggi, presieduto dal Commissario straordinario Marcello Cardona, l'assegnazione di circa 400mila euro.

Circa 169mila euro le risorse assegnate a titolo di risarcimento alle vittime delle mafie. Tra questi, due persone rimaste ferite nella strage di via dei georgofili (Firenze, 27 maggio 1993), per aggravamento delle loro condizioni di salute; un socio-lavoratore di una società del settore cantieristica portuale di Torre Annunziata, che ha sporto denuncia e collaborato con i Carabinieri dopo essere stato vittima di molti e gravi episodi di estorsione da parte del clan Gionta; il proprietario di un bar in Sicilia vessato dalla famiglia mafiosa di “Resuttana” con richieste di "pizzo", dichiarate ai Carabinieri di Palermo.

A vittime di reati dolosi violenti sono andati indennizzi per un totale di 220mila euro. A beneficiarne, i figli di due vittime di femminicidio, la moglie e i figli di un uomo ucciso perché colpito a morte dopo una colluttazione e una ragazza affetta da una forma di autismo che ha denunciato alla questura di Torino la violenza sessuale di gruppo subita.