Al via ad Afragola la riqualificazione della masseria Ferraioli, confiscata alla camorra

Scorcio della masseria Ferraioli
Foto di
Masseria Ferraioli
22 Settembre 2021
Temi
Ultimo aggiornamento
Mercoledì 22 Settembre 2021, ore 15:29
Il bene ospiterà un centro per donne vittime di violenza. Il prefetto di Napoli all'inaugurazione dei lavori


Sono partiti questa mattina ad Afragola (Napoli), finanziati con fondi del Programma operativo nazionale (Pon) Legalità 2014-2020, i lavori di riqualificazione della masseria Antonio Esposito Ferraioli, confiscata al clan camorristico Magliulo. Nella struttura sorgerà un centro per le donne vittime di violenza, con finalità sia di sostegno nella gestione delle relazioni con i figli che di valorizzazione delle competenze per il reinserimento lavorativo.

All'inaugurazione dei lavori, che dovrebbero concludersi in circa 7 mesi, ha partecipato il prefetto di Napoli Marco Valentini, accolto dal commissario straordinario di Afragola Anna Nigro e dei sub-commissari Dario Annunziata e Maria Grazia Cerciello.

Il prefetto aveva già visitato a marzo scorso la struttura - che essendo molto estesa è composta da più di 300 orti sociali e ospita eventi e manifestazioni - dopo alcuni atti intimidatori verificatosi al suo interno, assicurando la presenza e la vigilanza costante delle Forze dell'ordine sull'area e l'installazione a cura dell'amministrazione comunale di un sistema di videosorveglianza con lettura targhe.

La realizzazione e l'accelerazione del progetto di riqualificazione complessivi sono stati possibili, infatti, grazie alla stretta collaborazione tra istituzioni e associazioni assegnatarie del bene.