Arrestato Rocco Morabito, Lamorgese: «Risultato straordinario nell'azione di contrasto internazionale alla ‘ndrangheta»

Cooperazione internazionale Forze di polizia
25 Maggio 2021
Temi
Ultimo aggiornamento
Mercoledì 26 Maggio 2021, ore 10:40
È il secondo latitante più pericoloso dopo Matteo Messina Denaro. Operazione condotta da Carabinieri e Criminalpol

«Complimenti all’Arma dei Carabinieri e al Servizio per la cooperazione internazionale di polizia della Criminalpol per l’operazione, coordinata dalle procure antimafia di Reggio Calabria e Torino, che ha condotto all’arresto di Rocco Morabito nel nord del Brasile» ha dichiarato il ministro dell'Interno, Luciana Lamorgese.

«Ancora una volta la determinazione, la dedizione e la professionalità di tutti gli investigatori coinvolti – ha sottolineato la titolare del Viminale - hanno consentito di assicurare alla giustizia, dopo due anni di complesse e articolate indagini, l’esponente di primissimo piano della ‘ndrangheta, considerato il secondo latitante più pericoloso dopo Matteo Messina Denaro, e insieme a lui, Vincenzo Pasquino, personaggio di spicco del narcotraffico internazionale e inserito nell'elenco del Viminale dei latitanti più pericolosi».

L’operazione ha visto il coinvolgimento di tutte le forze in campo, dall’Interpol alle americane Dea e Fbi, alla polizia brasiliana, oltre che ai carabinieri e allo Scip, il Servizio per la cooperazione internazionale di polizia della Criminalpol guidata dal prefetto Vittorio Rizzi. Tutti partner del progetto “I can”, interamente finanziato dal ministero dell’Interno e condotto da Interpol, con alla guida il Segretario generale Jürgen Stock, per combattere insieme contro una minaccia liquida e trasversale come la ‘ndrangheta.

E sempre riferendosi all’operazione e al grande sforzo di cooperazione, il ministro ha aggiunto «Un risultato straordinario che dimostra la capacità di magistratura e Forze dell’ordine di contrastare in modo efficace la criminalità organizzata e le sue ramificazioni internazionali grazie alla proficua e intensa collaborazione di polizia sviluppata nell’ambito del progetto “I can”, per intensificare lo sforzo comune nella lotta alla ‘ndrangheta e a tutti i suoi interessi illeciti transnazionali» sottolineando infine «l’impegno quotidiano concreto per garantire legalità e sicurezza».