Ascoli, il prefetto: per superare questo momento serve la collaborazione dei cittadini

Ascoli Piceno, veduta di Piazza del Popolo
13 Novembre 2020
Temi
Ultimo aggiornamento
Venerdì 13 Novembre 2020, ore 11:12
La prefettura impegnata nel monitoraggio dell'andamento dei ristori: «Lo Stato c'è»

La prefettura di Ascoli è impegnata in una attività di monitoraggio sull'andamento dei ristori alle attività che hanno subito e subiscono consistenti ripercussioni a seguito delle chiusure imposte dal Dpcm è in programma. «Viene fatto coinvolgendo tutte le Associazioni di categoria, sindacati, banche, ordine dei commercialisti e notai, direttore Inps e Agenzia delle entrate, per affiancare le attività che hanno subito grosse ripercussioni dal Covid - spiega il prefetto di Ascoli Rita Stentella in una intervista questa mattina al Resto del Carlino -. Il cittadino deve capire che lo Stato è presente».  La prefettura ogni settimana incontra in streaming sindaci, forze dell'ordine e autorità sanitarie, contattando giornalmente i primi cittadini che hanno maggiori problemi. 

Presso la sede centrale della prefettura, in piazza Simonetti, è in funzione un termoscanner, che consente di rilevare la temperatura e controllare il modo in cui è indossata la mascherina. così come nella sede prefettizia di via Marini, dove operano anche altre istituzioni, compresa l'Agenzia delle Entrate. 

«In Prefettura abbiamo fatto e stiamo facendo molta attenzione all'uso dei dispositivi di protezione, mascherina indossata bene e distanziamento - aggiunge il prefetto -. II pubblico viene ricevuto per appuntamento e molto personale lavora in smart working, organizzato in modo tale che gli uffici non ne risentano. Stiamo facendo un lavoro molto impegnativo che produce buoni risultati nell'evadere tutte le competenze, compreso lo sportello per l'immigrazione che è molto impegnativo». 

Ogni settimana si riunisce il Comitato Provinciale per l'Ordine e la Sicurezza Pubblica per programmare i provvedimenti da mettere in campo. «Chiedo a tutti comportamenti corretti - è l'appello del prefetto. Poche regole che ci aiuteranno a superare il momento con l'aiuto di tutti, senza colore politica o appartenenza. Grazie alle forze dell'ordine e ai sindaci, ma serve la collaborazione dei cittadini».