Brindisi, prosegue mediazione della prefettura per soluzione ai lavoratori della Dcm

Prefettura di Brindisi
Foto di
Imagoeconomica
1 Aprile 2021
Temi
Ultimo aggiornamento
Venerdì 2 Aprile 2021, ore 19:50
Il prefetto ha assicurato di comunicare tempestivamente gli sviluppi della vertenza al ministero dello Sviluppo Economico

Prosegue con la mediazione della prefettura di Brindisi il dialogo tra le organizzazioni sindacali che rappresentano i lavoratori della Dcm srl , società in liquidazione ed i referenti aziendali. Stamattina in videoconferenza si è svolto un incontro per analizzare la vertenza che vede coinvolti 84 dei complessivi 184 dipendenti, i quali resterebbero esclusi dalla cessione del ramo d’azienda alla Dar srl, altra società rientrante nel medesimo gruppo imprenditoriale facente capo alla Dema s.p.a.

In particolare, i rappresentanti sindacali, rivendicando il mancato rispetto degli impegni assunti da DAR srl, hanno chiesto la salvaguardia dell'occupazione da parte di quest’ultima di tutti gli attuali 184 dipendenti Dcm che, tuttavia, ha evidenziato come la cessione del ramo d’azienda da Dcm a Dar salvaguardi più della metà dell’intera platea di lavoratori interessati. 

Ha ribadito, inoltre, l’impegno della Dcm a proseguire con il ricorso degli ammortizzatori previsti dalla legge e, nel contempo, a cercare un ricollocamento dei restanti lavoratori, anche con l’ausilio delle politiche attive regionali.

Il prefetto di Brindisi, Carolina Bellantoni, ha assicurato alle organizzazioni sindacali che degli sviluppi della complessa vertenza sarà relazionato il ministero dello Sviluppo Economico, al quale si continuerà a fornire informazioni circa il confronto in corso a livello locale. Il prefetto ha ribadito, inoltre, la propria disponibilità a riavviare il confronto in prefettura, laddove emergesse l’esigenza di un ulteriore momento di analisi e dialogo.