Ministero dell'Interno

Ministero dell’Interno

Tu sei qui

Carcere della Dozza, protocollo di legalità a Bologna per il nuovo padiglione

8 Novembre 2019

Temi:

Ultimo aggiornamento:

Venerdì 8 Novembre 2019, ore 11:10
Nel documento firmato in prefettura misure antimafia e un tavolo di monitoraggio sulla manodopera

Siglato ieri mattina nella prefettura di Bologna un protocollo di legalità per la realizzazione di un nuovo padiglione del carcere della Dozza. Firmatari del documento il prefetto di Bologna Patrizia Impresa, il provveditore regionale alle opere pubbliche di Lombardia e Emilia Romagna, in qualità stazione appaltante, e l'impresa aggiudicataria.

Il protocollo adotta una serie di misure per la prevenzione e la repressione di eventuali tentativi di infiltrazione criminale nella realizzazione dell'opera. Tra queste, assume particolare rilievo la creazione di una banca dati della filiera delle imprese, accessibile alla prefettura, alle Forze dell'ordine e alla Direzione investigativa antimafia (Dia).

Oltre al rafforzamento dei controlli, in chiave antimafia e anticorruzione, il protocollo istituisce in prefettura un Tavolo di monitoraggio sui flussi di manodopera, per garantire trasparenza nel reclutamento e il rispetto della legislazione sul lavoro e del contratto collettivo nazionale. Su quest'ultimo punto, fondamentale per la sicurezza nei cantieri, si sono associati alla firma del documento anche il capo dell'Ispettorato territoriale del lavoro e le organizzazioni sindacali.

AddToAny