Conferenza Stato-città presieduta dal Ministro Lamorgese: definiti i criteri di riparto di 660 milioni

Palazzo Viminale
Foto di
Imagoeconomica
27 Luglio 2021
Temi
Ultimo aggiornamento
Mercoledì 28 Luglio 2021, ore 10:39
Raggiunta l’intesa sui criteri di distribuzione del fondo per i comuni con un disavanzo di amministrazione in peggioramento al 31 dicembre 2019

Nel corso della seduta straordinaria della Conferenza Stato-città ed autonomie locali, presieduta dal Ministro dell’Interno Luciana Lamorgese, tenutasi ieri, è stata raggiunta l’intesa sul decreto del Ministro dell’Interno, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze, recante il riparto del fondo di 660 milioni di euro, per l’anno 2021, istituito dall’articolo 52 del decreto-legge 25 maggio 2021, n.73 (cd “Sostegni bis”), convertito con legge 23 luglio 2021, n.106, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 24 luglio 2021.

Le predette risorse sono destinate agli enti locali che hanno peggiorato il disavanzo di amministrazione al 31 dicembre 2019 rispetto all’anno precedente a seguito della ricostituzione del fondo anticipazione di liquidità ai sensi dell’articolo 39-ter, comma 1, del decreto-legge 30 dicembre 2019, n.162, convertito dalla legge 28 febbraio 2020, n. 8, se tale maggior disavanzo supera il 10 per cento delle entrate correnti, accertate come risultanti dal rendiconto 2019.

L’elenco degli enti interessati e delle relative risorse destinate sono consultabili sul sito del Dipartimento per gli Affari interni e territoriali all’indirizzo https://dait.interno.gov.it/ oppure all’indirizzo https://dait.interno.gov.it/finanza-locale/notizie