Contrasto al cybercrime farmaceutico: 20 siti oscurati dai Nas dei Carabinieri

pillole_2.jpg
12 Giugno 2021
Temi
Ultimo aggiornamento
Sabato 12 Giugno 2021, ore 12:01
Salgono a 146 i provvedimenti eseguiti nel 2021 dai nuclei specializzati dell’Arma, 121 dei quali relativi all’infezione da Covid-19

Dopo l’operazione della Polizia postale dell’8 giugno scorso che ha portato all’oscuramento di 34 siti web dediti alla vendita online di farmaci illegali e/o contraffatti, un’altra importante impresa è stata portata a termine oggi dalle Forze di polizia. 

I Nuclei antisofisticazione e salute dei Carabinieri, insieme al ministero della Salute, hanno oscurato 20 siti attivi nel settore della vendita online di farmaci dannosi per la salute. I militari del Reparto operativo hanno dato esecuzione a 20 provvedimenti d’inibizione all’accesso, emessi dalla Direzione Generale dei dispositivi medici e del servizio farmaceutico del dicastero, nei confronti di altrettanti siti web collocati su server esteri e con riferimenti di gestori non individuabili.

L’offerta dei medicinali sui siti oscurati si è rivelata estremamente variegata: oltre a una serie di farmaci con indicazioni terapeutiche e soggetti a obbligo di prescrizione - vendibili solo in farmacia da parte di farmacista abilitato - i Carabinieri del Nas hanno individuato proposte di medicinali contenenti principi attivi soggetti a particolari restrizioni d’uso e specifiche indicazioni d’impiego in relazione all’infezione da Sars-Cov-2. Tra questi gli antivirali lopinavir/ritonavir, di cui l’Aifa ha sospeso l’utilizzo off label al di fuori degli studi sperimentali clinici, e l’antibiotico azitromicina, rispetto al quale la medesima Agenzia regolatoria ha diramato una scheda che offre elementi necessari per una corretta prescrizione e per valutare il rapporto tra benefici e rischi sul paziente.

Tra i prodotti presentati nelle “vetrine virtuali” dei siti oscurati, sono stati rilevati anche farmaci contenenti principi attivi e sostanze a effetto dopante e per la perdita di peso, dannosi per l’organismo in quanto causa di innalzamento della temperatura corporea, sudorazione profusa e aumento della frequenza cardiaca e respiratoria, e medicinali correlati alla procedura medica dell’interruzione volontaria della gravidanza.

Con quelli odierni, sono 146 i provvedimenti sinora eseguiti nel 2021 dai Nas, 121 dei quali correlati all’emergenza Covid-19.