Coronavirus, le misure aggiornate per contenere l'emergenza

Riunione operativa Governo
26 Febbraio 2020
Ultimo aggiornamento
Martedì 22 Giugno 2021, ore 12:16
Le prefetture favoriscono la circolarità delle informazioni, coordinano gli interventi e assicurano l'esecuzione delle misure. La Polizia postale: segnalate le fake news

Sono in vigore le ulteriori disposizioni adottate con decreto del presidente del Consiglio dei ministri (dPCM) 25 febbraio 2020 per l'attuazione del decreto legge n.6/2020, che introduce misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-19.

Il nuovo decreto, adottato su proposta del ministro della Salute e sentito, tra gli altri, il ministro dell'Interno, prevede tra le varie misure:

- il divieto di libero accesso, domenica 1° marzo, su tutto il territorio nazionale, agli istituti e ai luoghi della cultura;

- la sospensione fino al 15 marzo prossimo di viaggi d'istruzione, iniziative di scambio o gemellaggio, visite guidate e uscite didattiche programmate dalle istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado;

- la riammissione, sempre fino al 15 marzo, nelle scuole di ogni ordine e grado per assenze dovute a malattia di durata superiore a 5 giorni dietro presentazione di certificato medico;

- misure sul lavoro agile.

I prefetti assicurano l'esecuzione delle  misure su tutto il territorio nazionale, avvalendosi delle Forze di polizia e, se necessario, delle Forze armate, sentiti i competenti comandi territoriali. Le prefetture monitorano costantemente, nell'ambito dei comitati provinciali per l'ordine e la sicurezza pubblica, l'evolversi della situazione, favorendo lo scambio di informazioni e il coordinamento degli interventi.

Attenzione alle fake news: cosa possono fare i cittadini

La Polizia di Stato ha segnalato la diffusione tramite social media e chat di messaggi falsi, le cosiddette fake news, sull'andamento dell'emergenza e sulle misure adottate, che generano allarme ingiustificato.

A questo proposito, la Polizia invita i cittadini a non condividere eventuali messaggi di allarme ricevuti e segnalarli tramite il sito della Polizia postale e delle comunicazioni commissariatodips.it.

Per informazioni e aggiornamenti sull'evoluzione della situazione e sulle relative disposizioni sono attivi il numero di pubblica utilità 1500 e i numeri verdi regionali. On line e in rete sono consultabili i siti web e gli account social istituzionali ufficiali.

Coronavirus-dieci regole