Ferrara, approfondimento in prefettura sull'agibilità dello stadio

Ferrara, stadio Paolo Mazza
20 Agosto 2021
Temi
Ultimo aggiornamento
Lunedì 23 Agosto 2021, ore 15:03
Dopo il sequestro della struttura, si cerca una soluzione in vista della ripresa del campionato di calcio

In vista dell’imminente inizio del campionato di calcio di serie B a cui partecipa la Spal, si è tenuta a palazzo Giulio d’Este a Ferrara, una riunione del comitato provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica nel corso della quale sono stati esaminati i profili di gestione dell’ordine e della sicurezza dello stadio Paolo Mazza, dopo il sequestro preventivo di parte dell’impianto disposta dall’Autorità Giudiziaria.

L'incontro, a cui hanno preso parte tra gli altri il vice sindaco di Ferrara, Nicola Lodi, e il direttore generale della Spal, Andrea Gazzoli, ha consentito di effettuare un primo approfondimento sulle possibili ricadute che il sequestro potrà determinare in termini di concreto utilizzo dell’impianto, anche in considerazione delle attuali disposizioni anti Covid che impongono limitazioni alla capienza impianti sportivi fino al 50%.

Al termine della riunione, che si è svolta in un clima di massima collaborazione tra Autorità di Pubblica Sicurezza, Comune di Ferrara e Società Spal, rispettivamente proprietario e gestore dell’impianto, è stata condivisa, su richiesta del questore Cesare Capocasa, la necessità di avviare un percorso che coinvolga anche l'Osservatorio nazionale sulle manifestazioni sportive.
Inoltre, è stata convocata per il prossimo 24 agosto, la commissione provinciale di Vigilanza sui Locali di Pubblico Spettacolo per la verifica di agibilità della proposta progettuale che sarà presentata dal Comune di Ferrara per la gestione in sicurezza dell’impianto.