Ferrara, via libera al progetto “Movida Sicura e Responsabile”

prefettura_di_ferrara_facciata.jpg
3 Giugno 2020
Temi
Ultimo aggiornamento
Mercoledì 3 Giugno 2020, ore 19:54
Presentato dal Comune della città, consentirà di evitare assembramenti nei luoghi di ritrovo giovanile del centro

L’area di via C. Mayr  nelle serate del mercoledì, del venerdì e del sabato, dalle 20 alle 2 del mattino fino a tutto il mese di luglio, sarà pedonalizzata con tre varchi in entrata e sette in uscita, controllati da steward muniti di contapersone.

È una delle misure contenute nel progetto Movida Sicura e Responsabile, messo a punto dal Comune di Ferrara, in collaborazione con la Federazione Italiana Pubblici Esercizi ed il Consorzio degli esercenti, che oggi ha ricevuto il via libera da parte del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, presieduto dal prefetto di Ferrara, Michele Campanaro.

«In un quadro di sperimentazione progettuale di partenariato tra pubblico e privato, va detto che è stato fatto senz’altro un importante lavoro di squadra – ha sottolineato Campanaro - mettendo attorno al tavolo Istituzioni pubbliche e rappresentanti del settore privato per garantire una cornice di piena sicurezza al divertimento dei nostri giovani.

Capisco – ha proseguito il prefetto - che i titolari dei locali della movida ferrarese hanno compiuto un sacrificio significativo in termini economici e, ancora di più, apprezzo il senso di profonda responsabilità dimostrato in questo momento straordinario. Devo, al tempo stesso, sottolineare, l’impegno rilevante messo in campo anche dalle nostre forze di polizia, insieme con la polizia locale, in un modello armonico di sicurezza urbana e partecipata».