Ferrara, proseguono le operazioni “ad alto impatto” contro spaccio e immigrazione clandestina

Prefettura di Ferrara
23 Febbraio 2021
Temi
Ultimo aggiornamento
Martedì 23 Febbraio 2021, ore 13:24
Disposte dal prefetto in sede di riunione tecnica di coordinamento

Il prefetto di Ferrara Michele Campanaro in sede di riunione tecnica di coordinamento con le Forze di polizia, ha disposto la prosecuzione delle operazioni interforze “ad alto impatto” finalizzate al contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti e dell’immigrazione clandestina sul territorio.

«I dispositivi interforze - ha spiegato il prefetto Campanaro - hanno sicuramente un valore aggiunto rispetto a quelli attuati in via ordinaria. Si tratta, infatti, di servizi con obiettivi finalizzati ed ampia visibilità, svolti in maniera sistematica e continuativa, che rafforzano il raccordo tra Forze di polizia, a beneficio del pieno controllo del territorio ma anche della percezione di sicurezza nella cittadinanza».

Tali servizi, infatti, vengono effettuati con cadenza periodica ravvicinata, su espresso atto di indirizzo del prefetto, per potenziare l’attività di prevenzione e contrasto dei fenomeni delittuosi sull’intero territorio comunale, con il massimo coordinamento delle Forze di polizia, a competenza generale e speciale.

I controlli hanno interessato quelle parti del territorio considerate “sensibili” a fini della prevenzione e del contrasto ai fenomeni dello spaccio e dell’immigrazione irregolare. In particolare, sono state coinvolte le zone di via Baluardi, l’area verde del sottomura, quella compresa tra via Bologna, via Beethoven, via della Fiera e via Veneziani, nonché le aree periferiche di Barco e Pontelagoscuro.

Alle operazioni hanno partecipato unità di rinforzo del reparto prevenzione e crimine Emilia Romagna orientale di Bologna e le unità cinofile messe a disposizione dalla questura di Bologna e dalla Guardia di Finanza. Sono state controllate 109 persone, di cui 39 stranieri, e 40 veicoli.