Intimidazione agli amministratori locali: indagine conoscitiva sul fenomeno in Lombardia

Prefettura di Milano (facciata)
Foto di
Staff della prefettura
7 Giugno 2021
Temi
Ultimo aggiornamento
Mercoledì 9 Giugno 2021, ore 09:46
I risultati del questionario anonimo promosso da prefettura di Milano, Anci Lombardia e Avviso pubblico al centro di una giornata formativa che si terrà il prossimo 10 giugno

300 sindaci, 607 amministratori locali e 457 tra segretari comunali, direttori generali e dirigenti hanno aderito all'indagine conoscitiva sul fenomeno dell'intimidazione ai danni degli amministratori locali promossa, in forma anonima, dalla prefettura di Milano, Anci Lombardia e l'associazione Avviso Pubblico, con il supporto dell'Università degli Studi di Milano.

Tale analisi sarà al centro della giornata formativa che si terrà in videoconferenza il prossimo 10 giugno alle ore 10 e che vuole offrire uno spazio di confronto, approfondimento e sensibilizzazione sul tema degli atti intimidatori.

Nel corso dell'evento, la cui introduzione sarà a cura del prefetto Vittorio Rizzi, vice direttore generale della Pubblica Sicurezza, del prefetto di Milano Renato Saccone, e del presidente di Anci Lombardia Mauro Guerra, interverranno autorevoli relatori.

Dal questionario anonimo inviato a tutti gli amministratori locali lombardi sono emersi alcuni interessanti elementi di indagine e riflessione: in particolare, seppur il 76% dei partecipanti al sondaggio ha dichiarato di non aver mai subito atti intimidatori, ben 54 sindaci, 84 amministratori locali e 49 dipendenti comunali hanno riferito di non aver voluto denunciare le pressioni e le minacce subite.

Significativo anche il dato relativo alle modalità con cui le forme di intimidazione sono avvenute e che nel 39% dei casi si sono concretizzate in calunnie, diffamazioni e minacce operate tramite il web.

Del resto, l'utilizzo sempre più massiccio e diffuso dei social network e degli strumenti di comunicazione via web rappresentano un fattore di condotte denigratorie e minacciose, spesso in forma anonima, dotate di una potenzialità offensiva e di una pervasività particolarmente intensa.

Oltre alla partecipazione da remoto delle prefetture della Lombardia, delle Forze dell’ordine territoriali e delle amministrazioni locali destinatarie dell’iniziativa, è prevista la possibilità di richiedere l’accredito stampa per l’accesso alla sala riservata presso la sede di ANCI Lombardia, in Milano alla Via Rovello 2, da dove gli organizzatori e i relatori dell’evento effettueranno i propri interventi in videoconferenza.

Le richieste di accreditamento dovranno pervenire entro le ore 12.00 di mercoledì 9 giugno prossimo all’indirizzo: posta@anci.lombardia.it