Legalità, tre incontri sulla lotta alla 'ndrangheta nel progetto promosso dalla prefettura di Lecco

No Mafia
17 Novembre 2021
Temi
Ultimo aggiornamento
Mercoledì 17 Novembre 2021, ore 10:26
Con incontri con autori di libri-testimonianza sul tema

"Stili di Vita - Testimoni di Verità" è il nome del “Progetto Legalità”, promosso dal comune di Valmadrera insieme alla prefettura di Lecco e alle Associazioni Libera e "Lo stato dell’Arte", incentrato su tre incontri con gli autori di tre libri sul tema della lotta alla 'ndrangheta e della promozione dei valori della legalità.

Si tratta di “C’era una volta la ’ndrangheta. Ricordi e desideri di un uomo che l'ha conosciuta” di Tiberio Bentivoglio, “La scelta di Lea. La ribellione di una donna alla ‘ndrangheta” di Marika Demaria e “Io sono nessuno. Da quando sono diventato il testimone di giustizia del caso Livatino” di Piero Nava.

Nella prima serata di ieri a Valmadrera è intervenuto l’imprenditore reggino Tiberio Bentivoglio raccontando la sua storia, che oggi lo costringe a vivere sotto scorta, dopo aver subito anche un tentato omicidio nel 2011 per aver rifiutato ogni richiesta di “pizzo”, nonostante intimidazioni e minacce.

«La ’ndrangheta – ha affermato il prefetto di Lecco Castrese De Rosa nel corso della serata - si combatte tutti insieme, senza voltarsi dell’altra parte e denunciando gli autori di tali reati. Tiberio Bentivoglio rappresenta un esempio per quanti preferiscono tacere e accettare ogni forma di intimidazione».

La storia dell’imprenditore reggino è stata anche raccontata agli studenti di Valmadrera che hanno apprezzato l’iniziativa volta a diffondere la cultura della legalità sul territorio.

Prossimi appuntamenti il 25 novembre e il 2 dicembre. Il “Progetto Legalità” ha ricevuto il patrocinio anche da parte del comune di Lecco, della fondazione Comunitaria del Lecchese e della Confcommercio.