Magliette griffate “camorra” a Napoli: il prefetto ne ordina il sequestro

Napoli, il porto (repertorio)
Foto di
Imagoeconomica
5 Settembre 2021
Ultimo aggiornamento
Domenica 5 Settembre 2021, ore 17:30
Blitz della Guardia di Finanza per bloccare la vendita su bancarelle e online delle t-shirt incriminate

Venivano vendute al minuto in una bancarella nei pressi del carcere di Secondigliano e su siti di e-commerce le magliette con l'immagine di una piovra che copre l'Italia e la scritta camorra.

Del caso si era discusso anche nel Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica, per iniziativa del prefetto di Napoli Marco Valentini che, con l’ausilio della Guardia di Finanza, ha poi proceduto ad emettere l’ordine di sequestro.

I finanzieri del II Nucleo operativo metropolitano di Napoli hanno quindi provveduto a sottoporre a sequestro le magliette, una cinquantina tra quelle calcistiche e quelle con il logo della piovra, contestualmente alle indagini per individuare le filiere di produzione e distribuzione, anche online, delle t-shirt.

L'iniziativa del prefetto si inserisce nella più ampia attività di contrasto che la prefettura sta portando avanti da mesi contro la mitizzazione della camorra, così come è avvenuto nei confronti di murales e altarini eretti in città per commemorare personaggi contigui alla criminalità.