Milano: controlli antimafia più stringenti per i lavori di riqualifica della SP "Paullese"

Lavori stradali
9 Giugno 2021
Temi
Ultimo aggiornamento
Mercoledì 9 Giugno 2021, ore 21:00
Un protocollo di legalità prevede verifiche antimafia per tutta la filiera delle imprese e tutti i generi di contratti

Saranno particolarmente stringenti i controlli sui lavori di riqualifica e potenziamento della strada provinciale cosiddetta "Paullese" (ex SS 415): li prevede il protocollo di legalità firmato oggi dal prefetto di Milano, Renato Saccone, dal vicesindaco della città metropolitana Arianna Censi e dall'amministratore unico della Società GIMACO Costruzioni S.r.l.

I lavori sulla "Paullese" rientrano nel primo programma delle infrastrutture strategiche di preminente interesse nazionale deliberato dal CIPE e quindi già sottoposti ad ulteriori adempimenti rispetto alla vigente normativa tesi a rendere più stringenti le verifiche antimafia.

Il protocollo per la realizzazione degli interventi - da Peschiera Borromeo a Spino d'Adda (escluso ponte sull'Adda) - prevede che il regime di verifiche antimafia (di cui all'art. 91 del Codice Antimafia), sia esteso a tutti i soggetti appartenenti alla filiera delle imprese e per tutte le fattispecie contrattuali (appalto e subcontratti) indipendentemente dal loro importo, oggetto, durata e da qualsiasi condizione e modalità di esecuzione. Sono esentati solo gli acquisti di materiale di consumo di pronto reperimento fino a novemila euro. 

Verrà assicurata dall'appaltatore, inoltre, la costituzione di una banca-dati nella quale saranno raccolti i dati relativi ai soggetti che intervengono a qualunque titolo nella progettazione e/o nella realizzazione dell'opera ("Anagrafe degli esecutori") e tutte le informazioni relative alle attività in corso nel cantiere.

Alla banca dati accederanno le Forze dell'ordine e la DIA, presenti alla sottoscrizione del protocollo, per acquisire tempestivamente informazioni utili a contrastare tentativi di infiltrazione della criminalità organizzata.

Alla sottoscrizione hanno partecipato i rappresentanti dell'Ispettorato Territoriale del Lavoro di Milano e le organizzazioni sindacali di categoria (FILLEA-CGIL, FILCA CISL, FENEAL-UIL) che faranno parte del tavolo di monitoraggio per verificare il rispetto del patto.

In tutto il ciclo di realizzazione dell'Opera, grande attenzione verrà anche dedicata ai profili inerenti alla sicurezza sul lavoro, da parte tanto dell'appaltatore che delle Organizzazioni Sindacali e degli enti di controllo.