Piana di Gioia Tauro, misure per la viabilità dopo gli incidenti ai lavoratori agricoli

La piana di Gioia Tauro
13 Gennaio 2021
Ultimo aggiornamento
Mercoledì 13 Gennaio 2021, ore 16:36
Previsti anche interventi di pulizia nell'Area industriale. Riunione nella prefettura di Reggio Calabria

Stanno per concludersi nella Piana di Gioia Tauro, in provincia di Reggio Calabria, gli interventi per il ripristino dell'illuminazione stradale dell'Asse attrezzato, fondamentali per garantire condizioni minime di sicurezza alla viabilità. Sono stati ripuliti anche i margini stradali, mentre sono in programma a breve interventi di pulizia anche nell'Area industriale, per una viabilità più sicura anche in quella zona.

È quanto emerso ieri in prefettura durante il secondo incontro dedicato al problema, dopo la prima riunione di giovedì scorso convocata dal prefetto Massimo Mariani dopo gli incidenti stradali, verificatisi nell'area, che hanno visto coinvolti cittadini extracomunitari, prevalentemente lavoratori del settore agricolo come il giovane senegalese Gassama Gora, che ha perso la vita il 18 dicembre scorso travolto da un'auto pirata sulla strada vicinale Colomono mentre rientrava in bicicletta dopo il lavoro alla vicina tendopoli.

Proseguiranno, inoltre, le iniziative già avviate in collaborazione con gli enti locali e le organizzazioni sindacali per dotare i lavoratori extracomunitari di dispositivi di sicurezza (gilet e fascette catarifrangenti, luci da posizionare sulle biciclette), in parallelo con la promozione di interventi per potenziare il sistema dei trasporti nella Piana.

A questo scopo, il prefetto ha assicurato un confronto costante con le amministrazioni/istituzioni coinvolte, con l'obiettivo più ampio di favorire azioni per migliorare le condizioni di vita e soggiorno dei lavoratori immigrati della Piana di Gioia Tauro.

In vista, nell'ottica di interventi coordinati sull'area, anche la definizione delle procedure per impiegare, come previsto dalla legge n. 160/2019, finanziamenti specifici per l'ammodernamento delle aree retroportuali.