Potenza, controlli anti Covid rimodulati

L'incontro alla prefettura di Potenza
Foto di
Prefettura di Potenza
13 Novembre 2020
Temi
Ultimo aggiornamento
Venerdì 13 Novembre 2020, ore 18:38
Termina la zona rossa a Genzano di Lucania

L’inserimento della Basilicata tra le regioni in zona “arancione” e le nuove misure da rispettare sono state al centro del comitato provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, presieduto dal prefetto di Potenza, Annunziato Vardè.

Il prefetto ha sottolineato che a mezzanotte di stasera cesserà la zona rossa a Genzano di Lucania che non sarà prorogata, così come confermato dal rappresentante della Regione. I militari dell’Esercito, impegnati nel servizio di controllo delle vie di accesso in quel comune, verranno reimpiegati per il controllo del rispetto delle misure anti Covid nella città di Potenza e provincia. 

Viene quindi disposta una rimodulazione ed intensificazione dei servizi di controllo sul territorio provinciale da parte delle forze di Polizia, con il concorso della polizia locale e dei militari dell’esercito di “Strade Sicure”, secondo le specifiche strategie concordate nel corso della riunione del Comitato.

Il direttore sanitario dell’ASP ha dichiarato che attualmente gli ospedali della provincia non risultano in affanno e l’indice di resilienza delle strutture sanitarie è rassicurante. Lo stesso direttore sanitario ha riferito che le terapie intensive regionali non sono sature e che comunque, per fronteggiare l’eventuale sofferenza dei reparti, è prevista l’attivazione dell’Ospedale di Venosa quale ospedale Covid, in maniera tale da alleggerire il carico di pazienti sulle altre strutture sanitarie e nelle RSA.Sono in corso di attivazione analoghe strutture a Chiaromonte, Maratea e Stigliano, così come sono state duplicate le squadre USCO da utilizzare soprattutto per pazienti Covid nelle case di riposo. Inoltre, ha sottolineato che sono già state reclutate ulteriori unità di personale medico.      

Alla riunione hanno partecipato il sindaco di Potenza, il presidente della Provincia, i vertici provinciali delle Forze Territoriali di Polizia, il comandante Militare dell’Operazione “Strade Sicure” ed il direttore Sanitario dell’ASP Basilicata, anche in rappresentanza della Regione Basilicata.