Punto di situazione a Potenza su accoglienza migranti stagionali e caporalato

I componenti del tavolo provinciale sul caporalato durante la riunione in prefettura
Foto di
Prefettura di Potenza
14 Settembre 2021
Ultimo aggiornamento
Martedì 14 Settembre 2021, ore 15:19
Avviate le attività socio-sanitarie previste dal progetto Pasim legate al Cams di Palazzo San Gervasio

Punto di situazione, ieri in prefettura a Potenza, nell'ambito del tavolo di coordinamento provinciale contro il caporalato e lo sfruttamento lavorativo in agricoltura, presieduto dal prefetto Annunziato Vardè.

In agenda, lo stato d'attuazione delle attività collegate all'accoglienza dei lavoratori stranieri nel Centro accoglienza migranti stagionali (Cams) di Palazzo San Gervasio, all'assistenza socio-sanitaria e al monitoraggio dell'area circostante dell'Alto Bradano per verificare l'eventuale presenza di insediamenti abusivi riconducibili a forme di caporalato.

Dal confronto tra i rappresentanti degli enti coinvolti presenti alla riunione, è emersa l'alta affluenza registrata dal Cams, attivato dalla regione Basilicata il 23 agosto scorso, che ha richiesto l'allestimento di tende per creare posti aggiuntivi, data la ridotta capienza in ragione delle misure di prevenzione anti-Covid.

Per quanto riguarda le attività di assistenza socio-sanitaria e di integrazione previste dal progetto Pasim, del quale la prefettura è partner dal 2018, è stato attivato un servizio di trasporto aggiuntivo a quello garantito dalla regione verso il Punto salute istituito dall'Asp Basilicata-azienda sanitaria locale di Potenza nel comune di Palazzo San Gervasio, così come sono partite le attività informative rivolte ai migranti, finalizzate a favorire la loro integrazione nella comunità locale.

Sul piano sanitario, ha riferito il direttore sanitario dell'Asp D'Angola, sono quasi ultimate, anche grazie alla collaborazione dell'Esercito, le vaccinazioni anti-Covid dei presenti nel Cams, al cui interno sono predisposte le procedure e gli interventi da attivare in caso di positività di ospiti al virus.

Sul fronte lavorativo, l'apertura del Centro accoglienza migranti stagionali ha contribuito a far registrare un notevole aumento di assunzioni regolari effettuate dai datori di lavoro al front office dell’ARLAB, ha invece comunicato il capo di Gabinetto del dipartimento di Presidenza della regione, Busciolano.

In parallelo, la task-force istituita dalla prefettura con le Forze dell'ordine e l'ispettorato territoriale del lavoro prosegue l'attività di controllo e contrasto - che è stata intensificata - nel territorio per prevenire e/o intercettare, e nel caso sanzionare, fenomeni di caporalato.

A conclusione dei lavori, ai quali hanno partecipato - tra gli altri - il sindaco di Venosa Iovanni e i vertici territoriali delle Forze di polizia - è stata chiesta massima collaborazione a tutte le componenti del tavolo per individuare soluzioni di alloggio alternative agli insediamenti abusivi presenti in aree dell'Alto Bradano, vista l'alta richiesta di accoglienza da parte degli stagionali.