Ragusa, si ricostituisce la rete di prevenzione della violenza contro le donne

_lau2334.jpg
18 Marzo 2021
Temi
Ultimo aggiornamento
Venerdì 19 Marzo 2021, ore 08:15
Nuovo protocollo per la promozione di nuove strategie attraverso la cabina di regia della prefettura 

Un nuovo protocollo d'intesa promosso dalla prefettura di Ragusa per definire strategie di prevenzione e contrasto della violenza nei confronti delle donne e della violenza domestica è stato sottoscritto questa mattina presso il palazzo del Governo.

Al termine di un articolato lavoro della Conferenza Permanente che ha visto l'impegno di tutte le istituzioni e gli enti operanti in provincia - coordinati dal prefetto Filippina Cocuzza -  sono stati definiti ruoli e compiti dei vari attori coinvolti sul delicato tema dalla violenza di genere.

Il protocollo – come precisato dal prefetto – costituisce per tutti i soggetti firmatari un importante strumento che consentirà di affrontare in maniera sinergica e nella sua intera complessità il problema sotto i diversi aspetti, sociale, sanitario, legale e culturale, attraverso il contributo fattivo di ciascuno volto ad attivare collaborazioni stabili e strutturate tra i soggetti pubblici e il privato sociale affinché vengano offerte risposte immediate ed adeguate ai bisogni delle vittime di violenze di genere.

Il punto di forza dell’intesa, infatti, è rappresentato dal lavoro di rete previsto nell’ambito di specifici tavoli tematici facenti capo alla "cabina di regia" della prefettura, distinti per area di intervento, dalla prevenzione primaria alla prevenzione secondaria, dalla formazione all’assistenza socio-sanitaria ed alloggiativa, dall’integrazione al reinserimento socio-lavorativo delle vittime di violenza, dalla pianificazione alla programmazione di mirati interventi.

A sottoscrivere l’intesa, il presidente del Tribunale, il procuratore della Repubblica, i vertici provinciali delle forze dell'Ordine, i sindaci dei comuni capofila di distretto, i dirigenti dei Servizi di Giustizia minorile e dell’ufficio di esecuzione Penale Esterna, il dirigente dell’Ufficio scolastico provinciale, il direttore generale dell’Azienda Sanitaria, i dirigenti dell’Ufficio del Lavoro, dell’Ispettorato del lavoro, dell’INPS, l’INAIL, i segretari dell’Organizzazioni sindacali, i responsabili dei Centri Antiviolenza, dei Centri Ascolto e delle Case Rifugio presenti in provincia, i presidenti degli ordini degli Avvocati, dei Medici, dei farmacisti e dei Giornalisti, il presidente della Consulta Comunale femminile di Ragusa.
 

Allegati
File
Allegato Dimensione
Il protocollo 4.48 MB
File
Allegato Dimensione
Approfondisci - Comunicato della prefettura 163.59 KB