Referendum: voto per corrispondenza agli elettori temporaneamente all'estero

Referendum
12 Febbraio 2020
Ultimo aggiornamento
Giovedì 20 Febbraio 2020, ore 13:35
L'opzione può essere esercitata entro il 26 febbraio

La normativa che regola l'opzione di voto per corrispondenza degli elettori temporaneamente all'estero prevede che la richiesta giunga direttamente al comune d'iscrizione nelle liste elettorali entro il trentaduesimo giorno antecedente la data di votazione e, quindi, entro il prossimo 26 febbraio. Ciò per consentire la comunicazione al ministero dell'Interno.

L'opzione dovrà pervenire al comune per posta, telefax, posta elettronica anche non certificata oppure potrà essere recapitata a mano anche da persona diversa dall'interessato.

Sul sito dei Servizi elettorali, oltre ai dettagli sulle modalità e la procedura, è disponibile anche un modulo editabile in formato .pdf.