Rimini: rispettare le regole per non compromettere la stagione turistica

Veduta del centro storico di Rimini
30 Giugno 2020
Temi
Ultimo aggiornamento
Martedì 30 Giugno 2020, ore 13:05
Il prefetto ai gestori dei locali: le categorie interessate devono fare la loro parte

«La comunità scientifica ci dice che l'unico modo di uscire dal contagio è rispettare le disposizioni: distanziamento, mascherine e igiene». Parte da presupposti oggettivi il ragionamento del prefetto di Rimini Alessandra Camporota, che intervistata dal Resto del Carlino-Rimini commenta la stretta sulle sanzioni, lo scorso week-end, per violazione delle norme anti-contagio, prima fra tutte quella sul divieto di assembramenti.

«Il punto non è la repressione, spiega il prefetto, ma il rischio che corre l'intero territorio, messo a dura prova dall'epidemia anche sul piano economico, se non si rispettano le regole per l'inevitabile impatto sulla stagione turistica».

«Devono essere, per primi, i gestori a rispettare le disposizioni anti-Covid», prosegue il prefetto, che si dice disposta ad incontrare i rappresentanti della categoria.

«Se fino ad oggi le Forze di polizia sono intervenute per «disperdere assembramenti, più a spiegare che a reprimere», è altrettanto vero che «le situazioni sanzionate sabato sera erano sotto gli occhi di tutti» spiega il prefetto Camporota che, consapevole della difficoltà della ripresa economica, aggiunge: «Faremo il possibile per fare pressione sul Governo a sostegno delle categorie, ma in questo caso parliamo di altri profili che sono quelli della sicurezza». 

Sul tema si confronterà oggi in prefettura il comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica allargato a tutti i sindaci. «Concorderemo insieme le regole comuni, faremo il punto sui controlli degli ultimi fine settimana e programmeremo l'attività futura», ha preannunciato  il prefetto Camporota.