Ripartire in sicurezza a Bologna: la prefettura promuove una campagna informativa rivolta ai giovani

Una immagine del video "Ripartire in sicurezza" promosso dalla prefettura di Bologna
Foto di
Dal video "Ripartire in sicurezza"
31 Maggio 2021
Temi
Ultimo aggiornamento
Lunedì 31 Maggio 2021, ore 21:40
L'iniziativa frutto della collaborazione con le istituzioni e il mondo dello sport

Al via a Bologna la campagna informativa, promossa dalla prefettura e rivolta soprattutto ai giovani, sull'importanza del rispetto delle principali misure di condotta individuale e collettiva per la prevenzione del contagio da Covid-19.

Nel momento di generale ripresa delle attività economiche e sociali e della mobilità, per assicurare che tutto avvenga nel rispetto delle necessarie regole di prevenzione sanitaria, è stato realizzato uno spot che, utilizzando come testimonial quattro giocatori simbolo delle squadre di basket cittadine, Virtus e Fortitudo - tra loro Marco Belinelli, campione dell'Nba, la principale lega professionistica di pallacanestro di USA e Canada -, richiama l'attenzione dei ragazzi su quei comportamenti che possono mettere in pericolo la salute pubblica.

I giocatori nel video sono impegnati in allenamenti che mostrano come solo con il contributo di tutti, come in una squadra, è possibile tornare a stare insieme in sicurezza e a riabbracciarsi.

L’iniziativa è frutto della collaborazione istituzionale tra prefettura, comune di Bologna, ufficio scolastico Regionale e università degli Studi di Bologna, in partnership con le società sportive Fortitudo Pallacanestro Bologna 103 e Segafredo Virtus Pallacanestro Bologna. Un impegno comune anche per dare un segnale di fiducia alla cittàdinanza felsinea e non solo nella fase delicata della ripresa e di conseguente superamento delle restrizioni alla vita economica e personale.

L'articolazione del messaggio è stato curato da docenti dei dipartimenti di Psicologia e Comunicazione dell'Università di Bologna. L'Ufficio scolastico Regionale per l'Emilia-Romagna e il comune di Bologna hanno contribuito nella realizzazione tecnica e montaggio delle riprese.