Ripresa degli sfratti, Lamorgese: prefetti in campo a tutela delle fasce più deboli

Il ministro Lamorgese al Question time al Senato
22 Luglio 2021
Temi
Ultimo aggiornamento
Giovedì 22 Luglio 2021, ore 18:09
Il ministro ha risposto al question time in Senato anche su procedure di regolarizzazione e dispositivi di sicurezza a impulsi elettrici

Risorse finanziarie e misure di graduazione programmata dell'intervento della forza pubblica nell'esecuzione dei provvedimenti di sfratto con il coinvolgimento delle prefetture, anche attraverso tavoli di confronto con i soggetti competenti.

Queste le misure che il ministro dell'Interno Luciana Lamorgese ha evidenziato oggi pomeriggio in Senato durante il question time rispondendo alla prima delle 3 interrogazioni a risposta immediata in agenda, relativa ai profili di ordine pubblico connessi alla ripresa delle esecuzioni delle procedure di sfratto.

Diverse prefetture hanno già attivato tavoli di confronto in relazione alle situazioni di maggiore criticità sul territorio, legate al grave disagio economico e sociale nel quale si trovano in molti casi le famiglie destinatarie dello sfratto. I tavoli coinvolgono i soggetti istituzionali competenti - i comuni, le regioni, l'autorità giudiziaria, gli enti di gestione dell'edilizia popolare e le organizzazioni rappresentative dei proprietari e degli inquilini - e in alcuni casi sono «giunti alla sottoscrizione di un protocollo d'intesa con gli interlocutori istituzionali al fine di armonizzare e integrare gli interventi, in particolare quelli previsti sulla morosità incolpevole, sotto i profili della ripartizione delle risorse disponibili, del numero di alloggi da assegnare in emergenza agli sfrattati, nonché delle procedure da attuare nei confronti delle famiglie colpite da sfratto».

Il ministro ha anche ricordato che nel quadro delle misure urgenti di solidarietà, con proprio decreto del 24 giugno scorso di concerto con il ministro dell'Economia e delle Finanze, è stato ripartito il fondo di 500 milioni di euro per l'anno 2021 «finalizzato all'adozione da parte dei comuni di misure urgenti di solidarietà alimentare, di sostegno alle famiglie per il pagamento del canone di locazione e delle utenze domestiche per tutto il perdurare delle emergenza».  

«Assicuro che i prefetti, proseguendo nella direzione tracciata fin dall'aprile del 2020», ha concluso il ministro ricordando la sua direttiva finalizzata all'individuazione dei segnali di disagio sociale compreso quello abitativo, «continueranno a svolgere ogni utile iniziativa, anche mediante la sottoscrizione di nuovi protocolli o la rivitalizzazione di accordi già esistenti» per garantire il bilanciamento tra i vari interessi e la tutela delle fasce più deboli.

La titolare del Viminale ha risposto di seguito alle altre due interrogazioni a risposta immediata in programma, relative rispettivamente all'andamento della procedura di regolarizzazione dei lavoratori stranieri e alla distribuzione alle Forze dell'ordine dei dispositivi di sicurezza a impulsi elettrici.

L'intervento è stato trasmesso in diretta web.

22 Luglio 2021